VIDEO/ Provincia – Sì unanime dei sindaci al bilancio, Gambacorta: “Ente sia punto di riferimento”

0
187

Approvato all’unanimità dall’assemblea dei sindaci il bilancio previsionale 2015 della Provincia di Avellino al termine della riunione di questa mattina. I sindaci irpini (84 Comuni su 118) si sono espressi sul bilancio previsionale che incassa il parere favorevole di tutti i presenti dopo una serie di interventi che hanno evidenziato le problematiche presenti sui territori, sottolineando il ruolo di raccordo che l’Ente dovrà intraprendere tra Comuni e Regione Campania.

“Oggi erano presenti tanti sindaci – ha dichiarato il presidente Domenico Gambacorta – ben oltre il quorum richiesto. Rappresentavano la quasi totalità degli abitanti. Altre province d’Italia sono in difficoltà in questo momento perché non riescono a far quadrare i conti, frutto di una scelta del Parlamento di tagliare un miliardo di euro alle Province mettendo a rischio la manutenzione delle strade provinciali e la tenuta delle scuole superiori con tagli importanti anche ai servizi scolastici annessi. Speriamo di aver superato la fase di difficoltà. La volontà dei sindaci è quella di dare all’Ente il ruolo di coordinamento dei territori: i piccoli comuni hanno difficoltà a parlare con Napoli, la Provincia può fare da raccordo e da punto di riferimento per la programmazione dell’Area vasta”.

E sulla riunione dell’Ato Rifiuti che avverrà tra due giorni:

“Mi auguro che i sindaci siano presenti e mettano in atto il senso di responsabilità che ha contraddistinto il momento in cui è stata varata la squadra di governo costituita dai primi cittadini Bianchino, Alaia e Della Marra Scarpone. Sarà il momento di varare gli sto, di redarre il piano d’ambito oltre all’ individuazione del soggetto che deve gestire il ciclo rifiuti e degli impianti in grado di diminuire i costi”.
Soddisfazione per il sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi, Rosanna Repole:

“C’è stata una grossa affluenza, superiore rispetto a quando approvammo lo statuto. C’è stato un voto favorevole al bilancio che richiede maggiore attenzione al territorio, alla viabilità ed alle scuole su cui è già stato fatto molto. Io ho aggiunto nel mio intervento che c’è bisogno di un ruolo politico forte della Provincia come coordinamento di tutti i progetti sul territorio. Segnalo una piccola debolezza: bisogna sburocratizzare un po’ per velocizzare la “regia”, in sinergia con la Regione che deve garantire risposte rispetto a temi sensibili come acqua e rifiuti”.

Sulla stessa linea il sindaco di Cairano, Luigi D’Angelis:

“Abbiamo chiesto e ottenuto un recupero di solidarietà che ha ispirato il governo di questo Ente, riteniamo che non si può essere efficaci nei temi senza questo presupposto. Il presidente ha recuperato questa nostra richiesta, la linea più equa riguarda sicuramente la collaborazione e la condivisione sui principi della solidarietà. I tagli sono stati importanti, è un momento con grosse difficoltà in cui bisogna garantire il minimo della gestione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here