VIDEO/ Accelerazione spesa e agenda ‘14/20, da ACS piano da 216 mln

0
1

Avellino – Nell’ambito del miglioramento delle reti idriche saranno quindici i progetti ‘irpini’ che andranno ad intercettare i fondi nell’ambito dell’accelerazione della spesa in Campania. Nel Piano triennale delle progettazioni relative all’agenda europea 2014/2020, l’Alto Calore Servizi ha pensato a 12 interventi di ristrutturazione di reti idriche definite su basi comprensoriali e relativi a tutti i Comuni associati della provincia di Avellino per un importo complessivo di circa 216 milioni di euro. E’ quanto emerso a margine del tavolo per il Patto per lo Sviluppo convocato nel pomeriggio a Palazzo Caracciolo ad Avellino. “Abbiamo superato con la riunione odierna ogni polemica sterile e come Alto Calore Servizi abbiamo offerto una programmazione per i prossimi anni ma anche la possibilità di non sprecare quanto di buono fatto finora – ha spiegato il numero uno di ACS Lello De Stefano – I sindaci hanno scelto giustamente di dare priorità alle reti idriche così come ad altre tematiche, come ad esempio al recupero dei centri storici. Per quanto riguarda l’ACS avevamo trenta progetti esecutivi di cui 15 sono stati ammessi a finanziamento. L’Irpinia è creditrice nei confronti della Regione Campania in materia di acqua e immaginiamo con il coinvolgimento di Ato Calore Irpino e Ente Provincia di presentare una ulteriore richiesta di finanziamento perché il problema delle reti idriche è fondamentale e occorre intervenire quanto prima. L’Irpinia è stata danneggiata negli anni. Oggi abbiamo questa grande opportunità di intervenire per creare progetti di sviluppo”.

(di seguito l’intervista a Lello De Stefano)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here