Inquinamento Valle del Sabato, Franco Mazza: “Tavolo tecnico? In due anni non ha prodotto nulla”

0
24

Sei i sindaci invitati alla riunione tecnica tenutasi presso la Prefettura nel pomeriggio di ieri (Avellino, Atripalda, Manocalzati, Montefredane, Pratola Serra e Prata P.U.), convocata al fine di risolvere il problema inquinamento nella Valle del Sabato. Presenti al tavolo tecnico anche l’Asi, l’Arpac e l’Asl, ma non il comitato “Salviamo la Valle del Sabato”, rappresentato dal presidente Franco Mazza.

Il presidente dell’associazione ha annunciato a mo’ di social i motivi dell’assenza, precisando innanzitutto: “Nessuno ci ha invitato a partecipare”, continuando:

2) Noi abbiamo chiesto un incontro col prefetto ma non abbiamo intenzione di partecipare a nessun tavolo cosiddetto tecnico;
3) Questo famoso tavolo esiste da due anni ma non ha prodotto assolutamente niente, anzi in due anni la situazione ambientale della valle è ulteriormente peggiorata;
4) Non tolleriamo più passerelle e speculazioni politiche sulla materia ne vogliamo inutili rituali;
5) Infine la maggior parte dei nostri problemi è generata proprio da inefficienze e colpe prodotte proprio da alcuni degli enti partecipanti a quel tavolo cosiddetto tecnico.

Dopo di oggi solleciteremo di nuovo il prefetto di Avellino a riceverci perché abbiamo cose interessanti da dire e proporre. Considereremmo la non convocazione nostra in prefettura un gesto di grande scortesia nei confronti di un comitato di cittadini così duramente provati e offesi da anni di gravi difficoltà, che ha chiamato a raccolta migliaia di persone nella grande manifestazione popolare del 27 agosto, che è fortemente preoccupato per l’aumento esponenziale dei morti per cancro, che si è rivolto anche alla Procura della Repubblica per poter accertare e perseguire reati che a nostro avviso si consumano tutti i giorni sotto i nostri occhi.

Si sappia che anche in assenza di detta convocazione, troveremmo comunque il modo di far sentire chiara e forte la nostra voce in tutte le sedi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here