Vaccino, e alla fine arriva l’obbligo: siero anti-Covid imposto a tutti gli over 50

0
1547

Il Consiglio dei Ministri, che si è riunito ieri 5 gennaio a Palazzo Chigi sotto la presidenza del presidente Mario Draghi, ha approvato nuove misure urgenti per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Su proposta del presidente Mario Draghi e del ministro della salute Roberto Speranza, il Cdm ha approvato un decreto legge che – si legge nel comunicato finale di Palazzo Chigi – mira a “rallentare” la curva di crescita dei contagi relativi alla pandemia e a fornire maggiore protezione a quelle categorie che sono maggiormente esposte e che sono a maggior rischio di ospedalizzazione.

Il decreto introduce l’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno compiuto i 50 anni. Per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età sarà necessario il green pass rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro a far data dal 15 febbraio prossimo.

Senza limiti di età, l’obbligo vaccinale è esteso al personale universitario così equiparato a quello scolastico.

E’ inoltre esteso l’obbligo di green pass cosiddetto ordinario a coloro che accedono ai servizi alla persona e inoltre a pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali fatte salve eccezioni che saranno individuate con atto secondario per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona.

Sullo smart-working il Consiglio dei ministri è stato informato dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta che è stata adottata d’intesa con il ministro del Lavoro e delle politiche sociali Andrea Orlando una circolare rivolta alle pubbliche amministrazioni e alle imprese private per raccomandare il massimo utilizzo, nelle prossime settimane, della flessibilità prevista dagli accordi contrattuali in tema di lavoro agile.