Vaccini, via alla terza dose anche in Irpinia: si parte lunedì con soggetti trapiantati e immunocompromessi

Vaccini, via alla terza dose anche in Irpinia: si parte lunedì con soggetti trapiantati e immunocompromessi

17 Settembre 2021

In linea con le direttive regionali e nazionali sulla somministrazione della terza dose di vaccino, l’Asl di Avellino partirà lunedì 20 settembre 2021 con la somministrazione della “dose addizionale” presso i Centri vaccinali, in modalità Open day, per i soggetti trapiantati e immunocompromessi.

La dose addizionale di vaccino anti-Covid va somministrata dopo almeno 28 giorni dall’ultima dose. Si intende come una dose aggiuntiva a completamento del ciclo vaccinale primario, per raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria.

La somministrazione della dose addizionale partirà dal 20 settembre 2021 presso tutti i punti vaccinali che, allo scopo, opereranno in modalità Open Day a partire dalle categorie di utenti classificabili secondo l’elenco sotto riportato quali soggetti “trapiantati o immunocompromessi”. I cittadini interessati potranno presentarsi, senza prenotazione, presso i centri vaccinali attivi in modalità Open day, dotati di tessera sanitaria e documentazione attestante lo stato di salute.

Il medico vaccinatore, accertato che è trascorso il periodo di almeno 28 giorni dalla seconda dose, dovrà valutare la documentazione presentata all’atto della vaccinazione, procedendo quindi alla somministrazione della dose di Pfizer o Moderna, in base alla disponibilità del farmaco prescindendo da quello somministrato precedentemente.

Di seguito le categorie, individuate dalla Circolare del Ministero della Salute,  per le cui patologie è prevista la somministrazione della “dose addizionale”:

–  trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva;

– trapianto di cellule staminali ematopoietiche;

– attesa di trapianto d’organo;

– terapie a base di cellule T esprimenti un Recettore Chimerico Antigenico (Cellule CAR T);

– patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunodepressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure;

– immunodeficienze primitive;

– immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico;

– dialisi e insufficienza renale cronica grave;

– pregressa splenectomia;

– sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids).