Truffa milionaria, 41 imputati. L’udienza si sposta ad Avellino

Truffa milionaria, 41 imputati. L’udienza si sposta ad Avellino

5 Agosto 2019

 

di Andrea Fantucchio 

Truffa e crowdfunding abusivo, un sequestro da 34 milioni di euro. Quarantuno persone coinvolte nel procedimento che ora approderà al tribunale di Avellino. L’inchiesta era focalizzata su una associazione a delinquere specializzata nel piazzare servizi finanziari abusivi e quote di crowdfunding in tutta Europa.

Una delle società nell’indagine della Procura di Como era ad Avellino. I finanzieri avevano sequestrato 34 milioni di euro fra beni e denaro liquido.

Durante l’udienza preliminare – che si è tenuta presso il tribunale di Como – è stata sollevata una questione di competenza territoriale accolta dal magistrato. L’unica certezza – è proprio che parte del processo dovrebbe tenersi ad Avellino.

I finanzieri hanno rinvenuto 662 contratti nella sede irpina dell’azienda raggiunta dagli accertamenti. Secondo gli inquirenti sarebbero stati incassati parte delle provvigioni per stipulare accordi in favore della società finita nell’inchiesta. Le indagini sono state condotte dalla polizia tributaria avellinese, allora guidata dal tenente colonnello Gennaro Garzella.
Nelle 168 pagine dell’ordinanza di sequestro preventivo si legge come l’associazione fosse guidata da quattro persone con consulenti finanziari di riferimento. Gestione delle somme raccolte, provvigioni ai singoli agenti, pagamento di rendite, erano realizzate attraverso una piattaforma chiusa, che consentiva di gestire trasferimenti di denaro non tracciabile, attraverso l’uso di carte di pagamento anonime.