Trasporti, Regione pronta a tagliare l’Irpinia a proprio piacimento

0
9

Trasporto pubblico locale in Irpinia accorpato a quello sannita. Le due province Avellino e Benevento faranno lotto unico per la Regione che metterà a gara il servizio per massimo 9 anni da affidare all’offerta più vantaggiosa economicamente. Se da un lato la stretta sinergia tra le aree interne potrebbe rivelarsi felice per chi si aggiudicherà il servizio, dall’altra, i cittadini pagheranno, a quanto pare come al solito in disservizi. Da voci di corridoio sembrerebbe che il piano sia stato stilato sulla falsariga dei vecchi trasporti. Per meglio far comprendere ai lettori, facciamo vari esempi.

Prendiamo il caso di tutti i comuni irpini (dal Mandamento a Monteforte) serviti dall’Eavbus. Questi territori non saranno riconosciuti come “irpini” ma ancora come “napoletani”. Quindi l’azienda che parteciperà al lotto irpino/sannita non potrà svolgere servizio su questa linea.

Prendiamo il caso della Valle dell’Irno (da Forino a Montoro) serviti dalla Sita. Questi territori non saranno riconosciuti come “irpini” ma ancora come “salernitani”. Quindi l’azienda che parteciperà al lotto irpino/sannita non potrà svolgere servizio su questa linea.

Lo spieghiamo a parole semplici, perché chi deputato a far rinsavire l’assessore regionale Sergio Vetrella, lo faccia e anche presto, prima che precipiti tutto. I consiglieri regionali eletti da questa popolazione si facciano sentire, difendano l’Irpinia da questo ennesimo “scandalo” che si sta perpetrando ai danni della collettività.

Un’azione del genere lascia sbigottiti, non si contesta l’accorpamento delle aree interne, ma l’esclusione dall’essere irpino di alcune comunità. Se qualcuno a Napoli non lo sa,glielo ricordiamo noi la Provincia di Avellino conta 118 comuni. Speriamo che arrivi una nota di Caldoro e Vetrella e ci smentiscano…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here