Trasportava rifiuti ingombranti, rumeno denunciato dai Carabinieri

0
4

Valle del Calore – Alcune valigie e un videoregistratore. Non sapeva più cosa farne e ha deciso così di liberarsene autonomamente. Ma i Carabinieri lo hanno fermato prima che potesse abbandonarli in un’area adibita a discarica abusiva e per questo già sequestrata in precedenza.

Infatti, prima che l’uomo, un giovane rumeno da poco in Italia, sversasse i rifiuti ingombranti, è stato individuato dai Carabinieri della Stazione di Chiusano di San Domenico, insieme a quelli di Paternopoli che hanno poi proceduto a controllare la macchina (una station wagon).

Dai controlli – cui all’inizio il giovane ha cercato di sottrarsi – è quindi emerso che il conducente trasportava materiali ingombranti che stava per abbandonare in un’area già in precedenza sottoposta a sequestro perché utilizzata come discarica abusiva. Il giovane, alle verifiche di rito da parte dei Carabinieri, non è riuscito a fornire alcuna giustificazione.

Successivi accertamenti hanno poi permesso di scoprire che il rumeno guidava senza mai aver conseguito alcun tipo di patente e che per giunta il veicolo era sprovvisto di copertura assicurativa e di qualsiasi documento.

Per impedire che l’attività illecita potesse protrarsi ulteriormente, i militari hanno sottoposto a sequestro la macchina ed i rifiuti (per un valore complessivo di oltre 10mila euro) e denunciato in stato di libertà il rumeno per aver cercato di smaltire illecitamente rifiuti domestici.

Nel corso degli stessi servizi, inoltre, sono stati effettuati ulteriori analoghi controlli, grazie ai quali sono state elevate violazioni amministrative per oltre 10mila euro e due persone sono state proposte per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio per evitare ulteriori trasferte dei pregiudicati in Alta Irpinia.

Le indagini sono state condotte in collaborazione con i magistrati della Procura della Repubblica di Avellino, coordinati dal Procuratore Capo Mario Ariste Romano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here