Trasloco: tutti i consigli per organizzarlo nel modo giusto

Trasloco: tutti i consigli per organizzarlo nel modo giusto

18 Agosto 2021

Il trasloco è uno dei momenti più importanti, perché sancisce un vero e proprio cambio di vita. Quando ci si trasferisce, infatti, spesso si dà un taglio al passato e si ricomincia da zero. Di contro, questo nuovo inizio presuppone anche delle controindicazioni, legate ad esempio alle varie complicazioni pratiche e logistiche che possono emergere durante il trasloco stesso.

Lasciare la vecchia casa: come organizzarsi?

Per prima cosa, è importante sottolineare quanto possano risultare decisive le tempistiche. Per evitare di complicarsi la vita, correndo il rischio di dover svolgere tutto all’ultimo minuto, è fondamentale organizzarsi sempre per tempo. Il trasloco dovrebbe infatti essere programmato almeno due mesi prima del trasferimento effettivo presso una nuova casa, perché ci sono tantissimi aspetti da curare.

Bisogna infatti contattare le ditte che si occupano di traslochi e trovare la migliore per rapporto qualità prezzo, richiedendo diversi preventivi, oppure organizzarsi per procedere ad un trasloco fai da te, sicuramente meno costoso ma più impegnativo. In secondo luogo, c’è l’esigenza di organizzarsi con il lavoro, stabilendo con un discreto anticipo se sarà necessario prendere dei giorni di ferie, o se si potrà diluire l’attività di trasloco sfruttando anche i weekend.

Inoltre, serve capire cosa portare nella nuova casa e cosa lasciare (o sostituire), quindi è necessario programmare anche il cosiddetto decluttering. Fra i vari impegni impellenti troviamo anche la necessità di organizzare i mobili secondo gli spazi a disposizione nella nuova casa. Qui serve prendere le misure sia del mobilio, sia degli ambienti domestici, per comprendere come incastrare correttamente ogni tessera nel puzzle. Infine, ci sono gli scatoloni da preparare e da conservare, ad esempio affittando spazi dedicati come i box e i depositi.

Entrare nella nuova casa: gli aspetti fondamentali

C’è un primo passaggio fondamentale che richiede un immediato chiarimento e che riguarda le utenze domestiche. Bisogna infatti staccare quelle della vecchia casa e provvedere ad effettuare la voltura o il subentro, per le nuove utenze. In questo caso sarà meglio ottenere con largo anticipo il codice alfanumerico legato alle utenze domestiche (il POD), che servirà per poter svolgere questi passaggi: senza il suddetto codice, infatti, non sarà possibile concretizzare il cambio utenze. Per tutte le informazioni pratiche su come trovarlo si possono consultare le guide dedicate agli usi del codice POD di Wekiwi, ad esempio, che indicano in modo preciso tutte le sue applicazioni principali.

Chiarito questo aspetto fondamentale, è importante dotare la casa di tutti i comfort necessari, come nel caso del letto e degli elettrodomestici per la cucina. Si consiglia poi di cambiare sempre le serrature, per evitare problemi, e di pulire in modo approfondito ogni ambiente della casa. In secondo luogo, è il caso di riconfigurare i sistemi antifurto (se presenti) e di verificare se la connessione Internet funziona nella maniera corretta. Infine, è bene valutare se sono necessarie delle ristrutturazioni, ma questo ovviamente va fatto prima di trasferirsi.