Test sierologici a tappeto ad Ariano, Maraia: “Meno spot e più rigore per la salute dei cittadini”

Test sierologici a tappeto ad Ariano, Maraia: “Meno spot e più rigore per la salute dei cittadini”

16 Maggio 2020

La nota del deputato del M5s Generoso Maraia.

Oggi ad Ariano partono i test sierologici a tappeto rivolti a circa ventimila abitanti.

Non dobbiamo avere timore, non siamo carne da macello. È un appuntamento importante e bisogna chiarire di cosa si tratta.

Con un ritardo di due mesi la Regione inizierà un monitoraggio sulla popolazione più colpita dal Covid.

Si tratta di test sierologici con prelievo del sangue fatti su base volontaria.

Questo vuol dire due cose:

1) i test non ci diranno se siamo positivi, ma se abbiamo sviluppato degli anticorpi e quindi se c’è necessità di fare uno o due tamponi orofaringei per stabilire se siamo ancora positivi oppure ci siamo negativizzati.

2) essendo su base volontaria la Regione dovrà comunque effettuare la sorveglianza sanitaria, questa volta, obbligatoria su tutte le persone che hanno avuto un contatto stretto con i numerosi positivi emersi negli ultimi giorni.

È importante che tutti i cittadini partecipino nonostante in molti credano che siamo stati trattati come carne da macello. Se rispettiamo la distanza di almeno un metro ed evitiamo assembramenti davanti ai seggi destinati al prelievo, regole di comportamento già praticate del resto, dovrebbe essere scongiurato il rischio di contrarre il virus mentre si è in fila. Di sicuro se la Regione si fosse svegliata prima non saremmo arrivati a questo punto.

Possiamo provare a raccontare le storie più belle ai cittadini sulla valenza scientifica di questo prelievo, ma se non vogliamo continuare a prenderli in giro dobbiamo anche ammettere che di scientifico ad Ariano in più di due mesi non c’è stato un bel nulla. Non sappiamo se viene applicata la quarantena alle persone che hanno avuto contatti con i recenti positivi, i quali hanno lavorato nelle attività commerciali che non hanno mai chiuso.

I cittadini di Ariano meritano come prima cosa, rispetto, soprattutto in questi giorni di test. Mi auguro che vada tutto per il meglio. Continuerò a controllare che la Regione svolga non solo questi test su base volontaria, ma continui con l’attività dei tamponi obbligatori per le persone che hanno avuto contatti stretti con i casi positivi accertati di recente. Il tampone e la quarantena obbligatoria sono attività che la Regione deve continuare a svolgere attraverso il Servizio epidemiologico dell’Asl di Avellino.

Quindi vanno bene i test sierologici a tappeto, nel tentativo di recuperare il ritardo e cercare di capire cosa è successo nelle settimane precedenti, rimane il problema dell’indagine selettiva ed obbligatoria. Mi auguro che questa attività non rallenti la ricerca dei contatti primari, secondari e terziari, perché è una attività che dovrà essere svolta sempre e in modo continuativo. A differenza dell’indagine a tappeto che si fa una sola volta. La più forte criticità dell’indagine a tappeto rimane la volontaria che non consente di monitorare i famosi “contatti stretti” che su base volontaria possono anche non presentarsi.

Ecco perché è importante fare chiarezza e pretendere il rispetto dei protocolli nazionali. Il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità prescrivono di rintracciare e sottoporre a tampone, nel minor tempo possibile, tutti i casi che hanno avuto un contatto stretto con un positivo. Questo è l’unico metodo, approvato dalla scienza, per limitare il diffondersi del contagio. Un metodo che ha prodotto ottimi risultati, portando i casi a zero in molti comuni, grazie al rispetto dei protocolli ministeriali e al lavoro di ricostruzione della rete dei contatti svolto dal Servizio epidemiologico di ogni singola Asl.

Purtroppo tutto questo non è avvenuto in Campania, dove, con numeri che fanno sorridere se messi a confronto con quelli del Nord, non si riesce, a distanza di due mesi, a spegnere un focolaio infettivo che interessa una cittadina di ventiduemila abitanti. Spero per i miei concittadini e per i miei cari che, a partire da oggi, la Regione inizi ad affrontare l’emergenza sanitaria ed economica con maggiore rigore scientifico e meno spot elettorali.