Tentato omicidio a martellate: condannato

0
28

di Andrea Fantucchio – Tredici anni di reclusione. E’ questa la condanna decisa dal collegio giudicante di Avellino, presieduto dal magistrato Luigi Buono (a latere i giudici Giulio Argenio e Lorenzo Corona), per il 57enne Gerardo Galluccio, accusato di tentato omicidio, maltrattamenti, lesioni e minacce a carico di una 37enne, sua ex convivente. La sentenza è stata emessa questa mattina dopo l’arringa del Pm, che aveva chiesto dodici anni di reclusione e l’assoluzione per il reato di maltrattamenti, e le discussioni degli avvocati. La difesa dell’imputato era affidata all’avvocato Alberico Villani, la signora si è costituita parte civile con l’assistenza legale del penalista Costantino Sabatino.

L’avvocato Sabatino ha ribadito l’aggravante della pre-meditazione legata al tentato omicidio. Questo perché – come confermato da una testimone – l’imputato si sarebbe aggirato sul luogo dell’aggressione fin dalla mattina. La donna, a settembre del 2018, era stata presa a martellate dal 57enne nel centralissimo corso Europa ad Avellino. Provvidenziale si era rivelato l’intervento dell’ex attaccante di Avellino e Benevento, Raffaele Biancolino.

La signora, attraverso il suo legale, questa mattina ha ringraziato proprio Biancolino, gli agenti della Questura di Avellino, i medici dell’ospedale che l’hanno curata dopo l’aggressione e, poi, proprio il suo avvocato Costantino Sabatino. Il legale, all’uscita del tribunale, ha definito “giusta” la sentenza. La difesa dell’imputato la impugnerà in Appello.