Teletrade: Case automobilistiche ancora deprezzate, ma qualcosa sta per cambiare

22 Luglio 2021

Le immatricolazioni di auto nell’UE sono aumentate di circa il 13% a giugno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. I dati sono stati riportati questa settimana dall’Associazione europea dei produttori di automobili, la quale ha anche informato che il numero totale, per i primi sei mesi, ha raggiunto i 6,49 milioni di auto. È molto o poco? Certamente i numeri rappresentano un chiaro miglioramento, ma è ancora ben al di sotto dei livelli pre-pandemici nel settore dell’auto. Le case automobilistiche sono riuscite ad adattarsi alla situazione, ma hanno venduto complessivamente quasi 2 milioni di auto in meno in Europa rispetto alla prima metà del 2019. Dopo le limitazioni che hanno riguardato il Vecchio Continente, il ritmo di ripresa non traguarda ancora il programma di ripresa degli Stati Uniti o della Cina.

Le azioni di Ford Motor ad esempio, sono aumentate di quasi il 72% prima della fine di maggio 2021 rispetto al gennaio 2020 pre-coronavirus. Successivamente, il prezzo di Ford ha registrato un 12,5%, correzione tecnica al ribasso delle ultime sei settimane, anche se continua a ricevere una spinta nel medio termine da quell’aumento “mozzafiato” dei prezzi, secondo l’amministratore delegato della società Jim Farley. La dinamica di General Motors (GM) è di minore impatto, in quanto il suo prezzo sta superando i livelli pre-crisi “solo” del 24%. La più grande casa automobilistica statunitense si prepara a eliminare completamente i veicoli a benzina e diesel dalla sua flotta entro il 2035 e ribadisce i suoi sforzi per stipulare accordi e partnership di rilievo in Cina, il più grande mercato delle auto elettriche e forse questa mossa sembra troppo radicale agli occhi della comunità degli investitori che non manifestano fretta nell’orientarsi all’acquisto di titoli General Motors.

In questo contesto, le più grandi case automobilistiche europee sembrano ancora non sufficientemente apprezzate. Mentre l’attività di trasporto di persone e merci in Europa aumenta lentamente, le azioni di produttori giganti come Volkswagen AG (VW) e Stellantis (STLA) sono in crescita. Entrambe combinano bene la fornitura di auto tradizionali, ancora popolari ed economiche, e i modelli ad alimentazione elettrica, commenta l’analista Finanziario di Teletrade Giancarlo Della Pietà.

Stellantis ha registrato il più grande aumento di vendite (+32%) tra tutte le principali case automobilistiche europee durante la prima metà dell’anno corrente, superando il 29% del gruppo Volkswagen. Le azioni Stellantis hanno registrato un apprezzamento che ammonta a quasi la metà del suo prezzo di inizio 2021, lambendo nuovi massimi vicino ai 21 dollari per azione durante la prima decade di giugno, per poi scivolare nuovamente a livelli inferiori a $ 19 sulla scia della carenza globale di microchip che rende la velocità di produzione e consegna inferiori.

Nel frattempo, Volkswagen China vede volgere al termine la fase più critica dovuta alla carenza di fornitura di chip, che andrà migliorando nei prossimi sei mesi. “Speriamo che la crisi dell’offerta di chip raggiunga il fondo questa estate e ci aspettiamo di vedere un miglioramento di questa situazione entro la seconda metà dell’anno”, ha detto ai giornalisti il capo di Volkswagen China, Stephan Woellenstein. A causa della carenza di chip, Volkswagen ha registrato un calo delle vendite del 12,3% tra aprile e giugno rispetto a un anno prima.  Il suo competitor General Motors, ha dichiarato che le sue vendite in Cina nel secondo trimestre sono cresciute del 5%. I marchi premium VW stanno crescendo, poiché le vendite di Audi in Cina sono cresciute del 39% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre Porsche è aumentata del 23% nella prima metà del 2021. Le auto elettriche ID.4 di Volkswagen hanno stabilito il record di 2.900 unità a giugno, rispetto a circa 1.500. auto a maggio.

Le azioni Volkswagen sembrano pronte a marciare su nuovi record o almeno oltre i 314 euro per azione. Il prezzo delle azioni VW ha superato i 350 euro lo scorso marzo, quando il produttore aveva annunciato le sue nuove ambizioni sul passaggio all’elettrico. Una nuova attività rialzista significativa è ricominciata la scorsa settimana, dopo che Volkswagen ha riferito che i suoi guadagni sono aumentati a 11 miliardi di euro per la prima metà dell’anno. I risultati finanziari complessivi della società verranno rilasciati tra circa due settimane, il 29 luglio.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il servizio Diretta Live Trading  e il Calendario Economico di TeleTrade