Teatro Gesualdo: ad aprile Campanella e Da Vinci

0
4

Avellino – Grande musica al Teatro Carlo Gesualdo. Due date, due nuovi ospiti per un aprile indimenticabile al Teatro Carlo Gesualdo di Avellino. Dopo Vinicio Capossela, Pat Metheny, Renzo Arbore e Mario Biondi è la volta della musica classica con Michele Campanella e della voce vibrante di Sal Da Vinci.
  Campanella terrà un recital al Gesualdo mercoledì 11 aprile alle 19.30, con in programma musiche di Mozart, Haydn, Beethoven e Brahms. Considerato internazionalmente uno dei maggiori virtuosi e interpreti lisztiani, Campanella ha affrontato in oltre 40 anni di attività molte tra le principali pagine della letteratura pianistica. Ma ci saranno tutta una serie di importanti manifestazioni culturali e musicali, che scandiranno l’anno del Cimarosa. Un anno di celebrazioni nate sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha conferito una “medaglia celebrativa” al “Cimarosa” e il patrocinio della Presidenza del Senato della Repubblica e della Presidenza della Camera dei Deputati. “Due concerti, due generi diversi tra loro per proseguire con la stagione dei grandi concerti al Gesualdo di Avellino. Con la nascita dell’Orchestra Giovanile del Teatro di Avellino e l’arrivo del primo corso di laurea triennale in coreografia d’Italia, realizzato con l’Accademia di Danza, abbiamo arricchito la proposta didattica del nostro teatro, puntando su percorsi formativi di eccellenza dedicati proprio alla musica e alla danza – spiega il presidente Luca Cipriano -“. Domenica 15 aprile 2011, ore 21 in programma il concerto di Sal Da Vinci. Quello di Sal Da Vinci è un grande ritorno al Gesualdo. Interprete per eccellenza della sceneggiata napoletana, voce indimenticabile che ha consacrato al successo il musical “C’era una volta Scugnizzi”, Sal Da Vinci torna al Gesualdo con il suo nuovissimo show-tour nei più bei teatri italiani. “Il Mercante di Stelle” è il suo nuovo strepitoso progetto teatrale. Ad arricchire lo spettacolo, sei musicisti, otto ballerini la scenografia di Luigi Ferrigno e la regia e le coreografie di un maestro del teatro italiano, Gino Landi. In programma uno spettacolo ricco di canzoni, momenti di teatro ironico e al tempo stesso sentimentale, in cui Sal Da Vinci amplia il suo repertorio rielaborando altri successi internazionali coinvolgendo direttamente il pubblico, il vero co-protagonista della serata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here