Summonte – Fedeli litigano per il coro: Chiesa sbarrata

0
3

Summonte – Un episodio singolare si è verificato nel corso della notte nella cittadina di Summonte. Alcuni passanti nonché il parroco della comunità locale hanno notato, alle porte della centrale Chiesa di San Nicola di Bari, una grossa trave di legno utilizzata evidentemente per bloccarne l’ingresso. Affisso alla tavola un grande manifesto dal testo poco ‘gentile’: “Si riapre quando la Chiesa sarà depurata dalla rogna di nome Saccardo e Gargano”. Una chiara offesa a due famiglie locali da tempo in ‘lotta’ per contendersi il ‘diritto’, o in questo caso il privilegio, di suonare l’organo in Chiesa e far parte del coro. Subito sono stati allertati i Carabinieri che giunti sul luogo della ‘misfatta’ hanno preso atto di quella che appare una singolare bravata. Molto probabilmente lo scopo era quello di arrecare offesa alle ‘vittime’ sottoponendole al ‘pubblico ludibrio’ attraverso l’increscioso manifesto. Un modo, forse poco ortodosso ma efficace, per porre fine ad un interminabile contenzioso. Una diatriba annosa che, dal gesto commesso, non sembra essere più ben accetta dai concittadini né dalla comunità religiosa. I Carabinieri indagano sull’accaduto per risalire ai responsabili dell’episodio. Un atto increscioso ‘commentato’ anche nel corso dell’omelia durante la celebrazione liturgica. E la particolare forma di ribellione un effetto lo ha già prodotto. Il parroco, in occasione dell’omelia della celebrazione liturgica, è stato categorico. La sua presa di posizione ha avuto l’effetto di mettere fine alla singolare rivalità. Il provvedimento?… Efficace come il gesto: ‘basta con le messe cantate’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here