FOTO/ Strage bus A/16, familiari delle vittime protestano in Tribunale

FOTO/ Strage bus A/16, familiari delle vittime protestano in Tribunale

10 Aprile 2015

Si sono radunanti davanti all’ingresso del Tribunale di Avellino esponendo croci bianche e foto dei loro familiari per protesta. Sono i parenti delle vittime del tragico incidente avvenuto lo scorso 28 luglio 2013 lungo l’autostrada A/16 Napoli-Canosa, quando un bus turistico precipitò dal viadotto Acqualonga nell’area del Comune di Monteforte Irpino.

Alcuni dei familiari si sono anche incatenati dinanzi all’ingresso carraio del palazzo di Giustizia di Avellino.

I parenti dei morti nell’incidente vengono da Pozzuoli, la città che contò il maggior numero di vittime, una quarantina.

Chiedono che si faccia giustizia e temono che i tempi lunghi per la definizione del processo civile che dovrebbe cominciare, dopo una prima udienza interlocutoria a gennaio scorso, il 2 luglio prossimo, possa slittare ancora.

Nel frattempo non c’è ancora una decisione della procura di Avellino per le richieste di rinvio a giudizio, dopo gli avvisi di conclusione delle indagini notificati a febbraio scorso al proprietario dell’agenzia che noleggiò il bus alla comitiva, Gennaro Lametta, ai vertici di Autostrade per l’Italia e a due funzionari della Motorizzazione civile di Napoli.

A quasi due anni dalla strage, oggi la clamorosa forma di protesta. I familiari vogliono tempi certi sulla data dell’udienza del processo penale.

E’ stato chiesto un incontro con il procuratore di Avellino Rosario Cantelmo al momento impegnato nel summit interforze in Prefettura.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.