Sperone tra “i paesi più sostenibili d’Italia”. La soddisfazione del Presidente Vitale e del sindaco

Sperone tra “i paesi più sostenibili d’Italia”. La soddisfazione del Presidente Vitale e del sindaco

10 Giugno 2020

Sperone tra “i paesi più sostenibili d’Italia”. La soddisfazione del Presidente Vitale e del sindaco. Nell’anno della sostenibilità e dell’Agenda 20-30, l’annuncio viene dato proprio dal presidente nazionale de “I Paesi più Sostenibili d’Italia” Pino Vitale.

Dopo un percorso di valutazione durato circa un semestre, Sperone viene inserito nell’elenco dell’Associazione Nazionale “I Paesi più Sostenibili d’Italia”, con l’obiettivo di dare alla Pubblica Amministrazione un supporto al raggiungimento dell’Obiettivo 11 dell’Agenda 2030, rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili.

“È una grande opportunità per i piccoli comuni, come il nostro – afferma il sindaco Marco Alaia – essere parte di un sistema di promozione non solo legato al tema della cultura e della valorizzazione del patrimonio, ma anche di promozione e valorizzazione dell’ambiente naturale ed antropico, orientare le scelte di sviluppo della comunità di Sperone verso opzioni consapevoli che guardano alle risorse ambientali e paesaggistiche, nel senso più ampio del termine, come unica matrice possibile per l’evoluzione reale dei nostri luoghi è una azione cosciente”.

“Insieme all’associazione, il Comune pone il primo tassello per un percorso che individua nella sostenibilità, ovvero nella salvaguardia di tutte le identità locali, siano esse materiali che immateriali l’unica strada praticabile per il rafforzamento delle nostre comunità “meridiane”. Gli elementi di sostenibilità quali il sistema di illuminazione a risparmio energetico, la presenza di punti di carica per i veicoli elettrici, le aree di verde attrezzato, i percorsi pedonali naturali sono elementi che contribuiscono a rendere la città più vivibile ma soprattutto danno la possibilità di orientare lo sviluppo futuro”.

Ogni paese nell’elenco, cosi come per Sperone, sarà dotato oltre che di “carta di identità” di “paese sostenibile”, anche di una targa con indicazione di Paese Sostenibile, posizionato agli ingressi urbani a indicare e sottolineare una identità reale dei luoghi che si stanno percorrendo.