Spari nelle acque di Lampedusa: arrestato comandate peschereccio tunisino

Spari nelle acque di Lampedusa: arrestato comandate peschereccio tunisino

30 Settembre 2020

I militari della Guardia di finanza di Lampedusa hanno abbordato e fermato un peschereccio tunisino, il “Mohanel Anmed”, per pesca illegale in acque nazionali, arrestando il comandante che aveva ignorato l’alt delle vedette e respinto tutti i tentativi di abbordaggio delle Fiamme Gialle, costringendo i militari a sparare alcuni colpi intimidatori.

L’arresto è avvenuto nella giornata di ieri, quando un’unità della capitaneria di porto di Lampedusa aveva intercettato il motopesca tunisino, ancora con le reti in mare, in acque territoriali italiane, a circa 9 miglia dalla costa di Lampedusa.

Ignorando gli ordini ricevuti dalla vedetta italiana, il comandante aveva invertito la rotta nel tentativo di fuggire in alto mare, facendo così scattare l’inseguimento da parte delle autorità italiane.