“Solo De Luca può parlare di sanità”: la rabbia di Ciampi e Picariello

0
638

“La mancata adesione al consiglio comunale monotematico sulla sanità dei manager di Asl e Azienda ospedaliera è sconcertante. Il manager dell’azienda ospedaliera Pizzuti addirittura risponde al sindaco di Avellino che non parteciperà per ragioni di opportunità “tenuto conto del particolare periodo immediatamente a ridosso di una competizione elettorale”, così leggiamo dalla stampa”.

Lo affermano Vincenzo Ciampi (Consigliere regionale M5S Campania) e Ferdinando Picariello (Consigliere comunale M5S Avellino).

“C’è la campagna elettorale – dunque – ed è inopportuno confrontarsi con i consiglieri comunali del capoluogo. Ciò significa che soltanto De Luca può raccontare la sua verità. Lui può parlare, i manager no, per motivi di opportunità politica che valgono ad intermittenza. De Luca può parlare come ha fatto pochi giorni fa a Solofra, in piena campagna elettorale”.

“Il presidente, che ha il figlio candidato, a Solofra ha promesso una nuova apertura di un punto di primo soccorso. Una promessa – va ricordato – che arriva da chi ha chiuso il pronto soccorso al Landolfi”.

“Potrà mettere la museruola ai suoi finché vuole, ma De Luca non potrà più nascondere a nessuno lo sfascio della sanità irpina e campana.Ci sono fatti inoppugnabili a cui dovrebbe rispondere. Avellino ha il pronto soccorso del Moscati allo sfacelo; non c’è stata l’apertura dei centri prelievi e dei laboratori di analisi pubblici ad Avellino e in provincia; resta la carenza di medici negli ospedali di Sant’Angelo dei Lombardi e Ariano Irpino; sono evidenti le difficoltà della medicina di base in provincia dove non vengono rimpiazzati i medici di famiglia che vanno in pensione”.

“Questi e altri disservizi non possono essere nascosti dalla fuga dei manager davanti alla richiesta di spiegazioni. La stagione del deluchismo, giocando a nascondino, volge alla fine”.