“Situazione debitoria pesante, per il momento navighiamo a vista”. Asi, parla il nuovo presidente

“Situazione debitoria pesante, per il momento navighiamo a vista”. Asi, parla il nuovo presidente

28 Maggio 2021

Alfredo Picariello – A distanza di sette giorni da quella che è stata una vera e propria resa dei conti all’interno del Pd irpino, stamane a Pianodardine si è tenuto il primo comitato direttivo del nuovo Cda dell’Asi guidato dal sindaco di San Martino Valle Caudina, Pasquale Pisano. Con lui i primi cittadini di Melito Irpino, Michele Spinazzola, Contrada, Pasquale De Santis, e Lioni, Yuri Gioino.

“Il nostro auspicio – spiega il neopresidente del Consorzio che oggi ha chiuso, di fatto, l’era di Vincenzo Sirignano – è quello di affrontare la varie problematiche che attanagliano l’ente. Inutile nascondere che la situazione debitoria dell’ente è particolarmente critica. Abbiamo una disponibilità di cassa che, in questo momento, ci permette solo di navigare a vista. Il nostro sarà un impegno di responsabilità, con l’obiettivo di fare quelle riforme strutturali di cui il Consorzio ha bisogno e fare in modo che l’Asi possa trovarsi all’appuntamento dei fondi del Recovery Fund con una certa tranquillità. Siamo chiamati ad una sfida importante”.

I fondi europei per la ripresa, dunque – insieme ad un risanamento dell’Asi – sembrano essere le priorità di Pisano e della sua nuova squadra, dei quattro componenti del comitato direttivo che è in attesa del quinto, di nomina della Regione Campania.

Ma i punti in agenda sono anche altri. “Tutte le aree industriali dell’Irpinia avranno pari dignità – sottolinea Pisano – . Saremo concentrati sulla stazione logistica in Valle Ufita, lavoreremo affinché l’area di Solofra abbia la giusta attenzione e che possa proiettarsi sul porto di Salerno. Guarderemo all’Alta Irpinia e guarderemo anche alla nostra Valle Caudina che tanto è stata bistrattata negli ultimi anni”.

“Non dimentichiamo, poi, le tre zone Zes (Zone Economiche Speciali, ndr): Calaggio, Valle Ufita e Pianordine. Per gli imprenditori che decideranno di investire in queste aree, sono previsti fiscalità agevolata e tempi rapidi e certi nella realizzazione degli interventi. Insomma – dice il presidente dell’Asi – abbiamo davanti a noi sfide importanti ed il Consorzio deve farsi trovare preparato e all’altezza dei tempi”.

Il modo per ricomporre la “frattura” politica con i sostenitori del suo sfidante, il sindaco di Solofra Michele Vignola, per Pisano è un solo. “Tutti i sindaci avranno un ruolo strategico, tutti saranno chiamati a collaborare. Abbiamo il compito di ricomporre l’assemblea. Sono i sindaci coloro che ascoltano quotidianamente imprenditori e lavoratori. Saranno loro i protagonisti”.