Seviziato e pestato a sangue per un profilo fake su Instagram, choc nel casertano

0
15

Una vendetta barbara per aver preso in giro un coetaneo creando un profilo falso su Instagram. E così, un giovane di 31 anni di Casapesenna minacciato con la pistola, è stato portato in una campagna di Villa Literno, nel casertano, dal coetaneo che aveva preso in giro e dai suoi fratelli.

I tre lo hanno legato con una corda al collo e con lo scotch al tronco di un albero dalla testa ai piedi e hanno iniziato violentemente a picchiarlo. Ore di terrore per il 31enne giudicato guaribile in 20 giorni per ecchimosi varie. I tre sono stati denunciati per sequestro di persona e lesioni personali.

Dopo le botte, calci, pugni e colpi alla tempia con il calcio della pistola, i tre hanno deciso di sottrargli il cellulare, le chiavi della vettura e di liberarlo, minacciando di essere pronti a legarlo con la corda alla macchina e a trascinarlo per il paese qualora si fosse rivolto ai carabinieri per denunciare l’accaduto.

Il giovane, appena libero dalla morsa degli aggressori, ha chiesto aiuto e si è fatto accompagnare in ospedale ad Aversa.