Sel: “Scelte scellerate che pagherà la Campania. Adesso De Luca si dimetta”

Sel: “Scelte scellerate che pagherà la Campania. Adesso De Luca si dimetta”

13 Novembre 2015

Oggi si è riunito il coordinamento campano di Sinistra Ecologia e Libertà che esprime la propria profonda preoccupazione per il caos in cui la vicenda De Luca rischia di trascinare l’intera Regione.

“Se occorre cautela si legge nella nota di Sel –   perché l’indagine è ancora all’inizio,  occorre però anche chiedere al PD  e a Matteo Renzi  di assumersi fino in fondo la responsabilità di aver voluto questo  candidato  a Presidente di una delle più importanti  Regioni del Paese.

La Campania, con i suoi problemi e le emergenze passate e recenti, da ultimo quella del Sannio, merita un trattamento diverso.

 

Non è stato possibile prima delle regionali chiudere un accordo di  centrosinistra, sia per le prevedibili conseguenze della legge Severino,  che già da sola avrebbe prodotto continue fibrillazioni, sia per i rilevanti aspetti politici, che non appare necessario qui ricordare (vale per tutti il capitolo degli “impresentabili).

Sono queste le ragioni, che spinsero la coalizione “Sinistra al lavoro” a scendere in campo.  E del resto, anche  senza la nuova inchiesta, che presenta aspetti inquietanti, le tre prossime scadenze avrebbero creato  un clima di incertezza e di instabilità istituzionale: l’esame  nel  merito del tribunale di Napoli, il nuovo pronunciamento della Corte Costituzionale sulla Severino, il processo di appello nel 2016 dopo la condanna di I° grado.

Nessuna vocazione minoritaria e di testimonianza, quindi.

 

Il dato più inquietante, in un simile contesto, è la profonda inadeguatezza del partito che governa l’Italia: dopo Roma anche la Campania è stata fatta precipitare nel caos.   Il PD a lungo si è nascosto dietro il risultato delle primarie, affermando che attraverso l’uso di uno strumento interno ad un partito si potessero superare i vincoli della legge Severino e i problemi  che sconsigliavano la candidatura di De Luca.

 

Non è più accettabile la linea attendista del PD e sopratutto di  Matteo Renzi;  occorre chiarire cosa è avvenuto. A sei mesi dal voto delle regionali, è indispensabile prendere atto che questa esperienza va archiviata.

Occorre il coraggio di imboccare la strada del voto.

 

Organizziamo una giornata di mobilitazione, lanciamo un appello insieme con tutti le cittadine e i cittadini, le associazioni e i movimenti.

Nei prossimi giorni incontreremo anche tutti coloro che sono interessati  a costruire “Sinistra Italiana” per  aprire da subito un percorso che faccia crescere questa nuovo soggetto come riferimento sicuro e già in campo, in un momento così difficile per la Campania.”


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.