Sedici anni fa l’attacco terroristico alle Torri Gemelle che sconvolse il mondo

0
39

Erano le 8.45, ora di New York, quando nei cieli della metropoli americana comparve il primo aereo, partito da Boston a diretto a Los Angeles, che si schiantò su una delle due Twin Towers simbolo dell’economia americana.

Sono passati ben 16 anni dal drammatico 11 settembre 2001, giorno dell’attacco terroristico che ha visto New York piegata dal dolore. Immagini che si sono stampate nella nostra mente. Tutti, o quasi tutti, ricordano cosa stavano facendo in quel momento, quando la notizia fece il giro del mondo e arrivò nelle nostre case gettandoci nell’angoscia.

Fu subito chiaro che i due aerei erano stati dirottati da terroristi facenti capo ad Al Qaeda, vasto gruppo guidato da Osama Bin Laden. I danni furono incommensurabili. Le torri del World Trade Center di Manhattan, ormai completamente in fiamme, crollarono nel giro di una manciata di minuti. Nello stesso momento anche il Pentagono subì il medesimo attacco ad opera di altri dirottatori.

Al momento dell’attentato, tra chi lavorava negli uffici e i turisti presenti, all’interno dei due edifici di Manhattan c’erano quasi 20.000 persone.

Le vittime, tra i civili e i militari presenti nel Pentagono, sono state circa 3000, più i diciannove dirottatori: 246 sui quattro aeroplani, 2.603 a New York e 125 al Pentagono. Quell’evento spostò gli equilibri internazionali, il mondo che ancora oggi si va configurando è figlio della quel drammatico crocevia storico.