Sant’Angelo dei Lombardi, disagi per la chiusura pomeridiana dell’ufficio postale

0
16

La Pro Loco di Sant’Angelo dei Lombardi scrive al Presidente del Consiglio Mario Draghi, al Prefetto di Avellino e alle Direzioni Nazionale e Provinciale delle Poste e Telecomunicazioni.

“La Pro Loco “Alta Irpinia – Sant’Angelo dei Lombardi A.P.S.”, sede accreditata dalla Presidenza del Consiglio del Ministri per lo svolgimento del Servizio Civile Universale è riferimento importante locale e di tutta la zona, per l’impegno profuso nella promozione del territorio e nella difesa di istituzioni importanti. La Pro Loco è diventata anche sede Presidenza Regionale dell’UNPLI Campania, che annovera oltre 400 Pro Loco, riceve continue segnalazioni e proteste in merito agli orari di apertura dell’importante Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi. L’Ufficio Postale locale oramai da qualche tempo, per motivazioni inspiegabili, non è aperto più di pomeriggio. Questa scelta organizzativa di apertura ridotta dell’Ufficio crea grossi disagi, difficoltà ed anche tensioni nella popolazione, non solo locale, ma di tutto il comprensorio. Come è noto, l’Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi, opera in un contesto di vitale importanza, essendo collocato in una cittadina che svolge da sempre storicamente, socialmente e culturalmente, la funzione di capoluogo dell’Alta Irpinia, riferimento delle zone interne, sede importante di tantissime istituzioni, uffici, attività ed organizzazioni di respiro quasi provinciale. Nel suo territorio sono presenti oltre ad enti, istituzioni, Ospedale, Polo Riabilitativo, con complessivi 175 posti letto, Scuole prestigiose ed affollate, uffici regionali, Casa di Reclusione, stabilimenti industriali come la Ferrero, area industriale e PIP con diverse aziende artigiane ed imprenditoriali del settore industria, agenzie, attività commerciali, agricole ecc. Con questo quadro è evidente la centralità della Cittadina di Sant’Angelo dei Lombardi rispetto a tutto il territorio dell’Alta Irpinia, con la sua funzione di riferimento per molta parte della popolazione dei Comuni del circondario. L’Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi ha svolto da sempre il ruolo di riferimento per tutta la zona, ponendosi con tutto il suo personale attuale, egregiamente diretto dal dott. Sorrentino, e con quanti in precedenza vi hanno lavorato, al servizio della popolazione, di giovani, anziani, operatori economici e commerciali, emigrati con apprezzato garbo, professionalità, riserbo e riconosciute capacità. L’Ufficio di Sant’Angelo dei Lombardi, proprio per la capacità dei suoi operatori e per gli orari di apertura, anche in fascia pomeridiana è stato scelto quale ufficio di riferimento per tanti cittadini dei paesi vicini, dagli emigranti che vi accorrevano nelle ore pomeridiane per svolgere tutte le operazioni amministrative, postali e contabili /finanziarie. Basterebbe fare una semplice ricognizione, per accertarsi di quante posizioni finanziarie ed economiche sono accese, da cittadini dei paesi vicini presso l’Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi. Diventa veramente incomprensibile ed oltremodo ingiustificata, la chiusura pomeridiana dell’Ufficio Postale, tanto crea forti disagi a cittadini, artigiani, imprenditori, impiegati ed operatori in genere, dovendo questi procedere al disbrigo delle pratiche presso l’Ufficio Postale solo di mattina. Questo orario solo di mattina, sottopone gli utenti ad estenuanti code, attese, con permessi ed assenze dal lavoro o dalla produzione, tra corse di auto, con avverse condizioni meteo e gravi disagi anche per i portatori di handicap. La Pro Loco di Sant’Angelo dei Lombardi rivolge formale appello affinché, si ripristini la regolare funzionalità dell’Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi, assicurando l’apertura pomeridiana dello stesso, tanto al fine di evitare proteste, tensioni, diffuso malcontento. La chiusura pomeridiana dell’Ufficio P.T. risulta agli occhi della popolazione locale e dell’Alta Irpinia una immotivata mortificazione, che priva l’utenza di tutta la zona, di un servizio importante e di riferimento, che anche nei periodi di più grande disagio, come il terremoto del 1980, ha saputo dare risposte ai bisogni dei cittadini, così anche oggi, con l’elevata professionalità degli operatori, con il loro garbo e la gentilezza, resta un punto di riferimento importante per raccolta delle rimesse degli emigrati, delle pensioni provenienti dall’estero, per le operazioni previdenziali ed assistenziali, per i servizi di investimenti e per tutta l’attività del servizio corrispondenza. La Pro Loco resta fiduciosa di una positiva risposta e di un tempestivo intervento per la risoluzione problematica attuale, in quanto, l’ostinata chiusura pomeridiana dell’Ufficio P.T. potrebbe apparire come un’offesa alla dignità delle persone di questa terra, delle zone interne, della dorsale appenninica. Con la certezza che non mancherà l’attenzione ha inviato questa calorosa petizione”.

Articolo precedenteOggi in Irpinia somministrate 1.650 dosi di vaccino
Articolo successivoMoscati, la protesta dei lavoratori dello S.T.I.R in prima linea contro il Covid
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.