Sant’Angelo dei L – E’ giallo sul rinvenimento di lettere in un fossato.

27 Settembre 2005

Sant’Angelo dei Lombardi – A.A.A. cercansi disperatamente missive. E’ l’appello che per giorni e giorni i cittadini di Sant’Angelo dei Lombardi hanno rivolto agli addetti del locale Ufficio Postale. Un appello scaturito in quanto da diverse settimane presso alcune abitazione del comune dell’Alta Irpinia il portalettere non avrebbe più bussato alle porte per recapitare la posta. Eppure scadenze ce ne sono: la bolletta dell’energia elettrica da pagare, il metano, la Telecom… ma del postino neppure l’ombra. Hanno, così, deciso di appellarsi alla disponibilità delle Forze dell’Ordine. Un appello accolto dai Carabinieri della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, guidati dal Tenente Sabato D’Amico: la macchina dei “segugi” in divisa si è messa in moto e dopo alcuni giorni di indagini e di perlustrazioni, il fiuto dei militari ha “svelato” il dilemma. In un dirupo, a pochi chilometri di distanza dal centro del paese, i Carabinieri hanno rinvenuto diverse lettere, nello specifico circa un centinaio. Missive, alcune delle quali ingiallite, destinate a più utenti molti dei quali protagonisti dell’appello. La merce è stata sequestrata e sarà al centro di ulteriori indagini mentre dell’episodio, a dir poco avvolto nel giallo, ne è stato investito anche il direttore dell’Ufficio Postale di Sant’Angelo dei Lombardi che insieme ai militari si è vestito dei panni del portalettere per “recuperare” la posta. Con molta probabilità l’indagine si arricchirà già nelle prossime ore: al vaglio degli inquirenti, infatti, la posizione dei postini al fine di risalire al portalettere che avrebbe “abbandonato” le missive invece di consegnarle ai destinatari. (di Emiliana Bolino)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.