San Martino V.C. – Celebrato il congresso del circolo “M. Vellotti”

0
4

San Martino Valle Caudina – Celebrato, nella giornata di sabato, il Congresso del Circolo “Martino Vellotti” di San Martino Valle Caudina, al termine del quale sono stato eletto, con una lista unitaria composta da sedici Dirigenti, Segretario. “Il Circolo – scrive il segretario Gennaro Ricci – è ora pronto a recuperare il suo compito originario di cellula di base e avamposto del PD nella comunità Sanmartinese, attanagliata da una realtà politica stanca e ripiegata su se stessa. Proponendosi con un nuovo impulso, che si potrà determinare soltanto con un coinvolgimento sempre più capillare dei cittadini anche non direttamente interessati alla politica. Per far questo occorre che si abbandoni il vizio stantio dell’autoreferenzialità, del “parlarsi addosso” soltanto fra “addetti ai lavori” già avvezzi alla politica. Il Circolo deve ritrovare lo spirito fondativo, dell’inclusione, della contaminazione, dell’apertura coraggiosa e senza remore a idee e mondi che non necessariamente possono o devono essere ascrivibili alle vecchie appartenenze ideologiche. Ambendo a contribuire al fine che il PD, diventi il grande Partito riformista che in Italia non è mai esistito. Insomma bisogna finalmente avviare un confronto pragmatico con la società, che ormai non è più riducibile alla divisione in classi, ma sempre più si caratterizza come insieme di differenze, individualità, pensieri autonomi. I Circoli, da questo punto di vista, sono l’elemento d’unione per eccellenza fra il Partito Democratico e la realtà vera del Paese. Ritengo quindi che il Circolo “Martino Vellotti” debba essere rivitalizzato, trovando la strada per riavvicinare tutte quelle persone che hanno creduto ad un PD che fosse sinonimo di cambiamento e alternativa possibile. Non basta però: occorre che il nostro Circolo richiami anche coloro che finora nel PD non hanno potuto o voluto riconoscersi per diffidenza, timore o senso di non appartenenza. Questo Circolo deve essere un patrimonio della collettività, promuovendo la partecipazione degli iscritti, ma anche e soprattutto quella di chi ancora al PD iscritto non è. Il Circolo “Martino Vellotti” deve altresì rapportarsi sinergicamente con l’Amministrazione comunale, rendendo però i cittadini partecipi di queste dinamiche. E’ fondamentale allora che il Circolo si ponga come punto d’incontro fra amministratori e amministrati, fra eletti ed elettori. In linea più generale, il Circolo “Martino Vellotti” deve tornare a pulsare di passione, non temendo chi ha qualcosa di nuovo e di diverso da dire, ma anzi facendosi fautore di un confronto schietto e non retorico con chi non ha paura di esprimere liberamente il proprio pensiero, tanto più se si tratta di persone che mai in precedenza si sono accostate all’impegno politico. E’ dai Circoli, in effetti, che il PD può rinascere. O nascere, davvero, per la prima volta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here