Sacripanti sprona la Sidigas: “Noi arbitri del nostro destino, d’ora in poi tutte finali”

0
20

C’è la Vanoli Cremona sul cammino della Sidigas Avellino in campionato. La compagine guidata dall’irpino Paolo Lepore sarà al Delmauro per il turno pre-pasquale di sabato sera. Un testacoda importante per la Scandone che vuole blindare il terzo posto dalle insidie di Trento, Sassari e Reggio Emilia e insidiare il secondo posto della Reyer Venezia.

Sacripanti, in conferenza stampa all’antivigilia del match, ha così tuonato: “Inutile ribadire l’importanza della posta in palio, sia per noi che per la Vanoli, quasi all’ultima spiaggia per salvarsi. Sarà una finalissima e quindi anche dal punto di vista emotivo sarà una gara molto complicata. Fortunatamente fisicamente siamo al top, ad accezione ovviamente dell’assenza di Fesenko e di un piccolo problemino per Cusin che tuttavia riprenderà domani ad allenarsi”.

Senza Fesenko la squadra ha provato in settimana diversi quintetti proprio per sopperire all’assenza di uno dei due lunghi. “Non è facile per me trovare le giuste soluzioni con sette esterni e tre lunghi e il rischio è che in alcuni momenti potremmo girare a vuoto”.

La bocche da fuoco della Vanoli come Turner e Johnson-Odom preoccupano il coach biancoverde: “Hanno buoni giocatori sia sul perimetro sia sotto canestro, sarà importante la nostra applicazione difensiva”.

Dietro la Sidigas scalpitano Trento, Sassari e Reggio Emilia, ma Sacripanti è sicuro: “Siamo arbitri del nostro destino, anche se ci sarebbe piaciuto esserlo al completo. E’ chiaro che le inseguitrici fanno paura, in particolare Reggio Emilia che sta risalendo la china. Il nostro obiettivo è chiudere tra le prime quattro e nel caso in cui non succeda sarebbe immeritato per quanto fatto in stagione. Finire tra le Fab Four per due stagioni di fila è un segnale importante di grande continuità per questa squadra”.

Mercato? “Personalmente sono concentrato su Cremona, il mercato non sta offrendo soluzioni facili perché giocatori liberi non ci sono. Alberani è a Portsmouth e sta valutando come operare, siamo continuamente in contatto e vediamo cosa ne verrà fuori. Kyrylo solo tra due settimane avrà conferme dei reali tempi di recupero e il mio intento è giocare i playoff con i miei giocatori e senza surrogati”.

Il pubblico del Delmauro? “La società si è mobilitata per offrire condizioni vantaggiose ai tifosi, anche se devo dire che i nostri hanno sempre risposto presente. Spero nel loro apporto per dare il giusto approccio alla gara ai miei giocatori”.

di Renato Spiniello.