Rischio criminalità, famiglie campane sempre più insicure

Rischio criminalità, famiglie campane sempre più insicure

24 Febbraio 2016

La Campania è al quinto posto fra le regioni italiane dove le famiglie si sentono più esposte al rischio criminalità nella zona in cui vivono.

Con un dato pari al 45,3% delle famiglie la Campania nel 2015 rimane, come l’anno precedente, al quinto posto nella graduatoria elaborata nella classifica stilata dall’ Osservatorio Assiv sulla sicurezza sussidiaria e complementare sulla base dell’indagine Istat. Ma rispetto al 2014, quando il dato era al 33,3%, la Campania presenta un aumento di circa il 40% delle famiglie che si sentono insicure per il rischio di criminalità nella loro zona.

La crescita della regione è in sintonia con l’aumento del dato medio nazionale che sale dal 30% del 2014 al 41,1% del 2015. A livello nazionale, negli ultimi cinque anni il numero delle famiglie che temono il rischio criminalità nella zona in cui abitano è aumentato di oltre il 50%, con un indice percentuale salito dal 27,1% del 2010 al 41,1% del 2015.

I dati dell’indagine indicano inoltre una prevalenza del rischio criminalità nei grandi centri di aree metropolitane, con il 58,8% di famiglie che temono questo rischio, mentre all’estremo opposto si trovano i piccoli comuni fino a 2000 abitanti dove l’indice del rischio si ferma al 17%.

L’indice poi risale in parallelo con la crescita dimensionale dei comuni, ed è al 30,3% nei comuni fino a 10 mila abitanti, al 36,9% in quelli fino a 50 mila, al 47% oltre 50 mila abitanti, al 48,7% nelle periferie dei grandi centri metropolitani.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.