Rifondazione Comunista: “La morte di Gargano ci indigna”

0
1

La tragica scomparsa dell’operaio Vincenzo Gargano lavoratore presso l’Ecosistem s.r.l. di Nusco oltre ad addolorarci profondamente ci indigna. L’Irpinia sta subendo pesantemente le conseguenze della crisi globale a causa della quale tutti settori soffrono, ragion per cui l’inoccupazione, la disoccupazione e la precarietà hanno raggiunto livelli non più sopportabili, tuttavia continuiamo a registrare il verificarsi d’incidenti e morti sul luogo di lavoro, sovente le vittime sono dipendenti stagionali, a tempo determinato o ancor peggio assunti a nero, da ciò si evince che nella nostra provincia, pur di sopravvivere, padri e madri di famiglia accettano qualsiasi opportunità spesso sacrificando diritti e compensi economici, ciò non è assolutamente accettabile, siamo alle barbarie. Vincenzo era un precario al suo secondo giorno di lavoro, un marito, un padre orgoglioso della sua dignità e attento ai valori solidaristici, è morto per portare a casa un tozzo di pane, per rinvigorire la forza di guardare negli occhi i suoi cari, immaginiamo la sofferente solitudine interiore che provava, un uomo, un cinquantenne, costretto da un sistema iniquo, disumano a doversi reinventare ogni giorno. Noi abbracciamo, attraversati da un terribile senso d’impotenza e con sincero affetto la sua famiglia, gli amici, i compagni, siamo vicini all’intera comunità di Bagnoli Irpino, questa mattanza non può, non deve continuare, sopito il dolore che rimarrà per sempre indelebile occorre reagire con forza. Ciao Vincenzo, che la terra ti sia lieve.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here