Regione – Bossa: una legge che tuteli gli archivi storici

0
6

Regione – La Presidente della VI Commissione permanente del Consiglio regionale della Campania, Luisa Bossa, ha presentato la proposta di legge riguardante la “Disciplina in materia di costituzione, inventariazione, conservazione e valorizzazione degli archivi storici degli enti ed istituzioni locali ed archivi di interesse storico dei privati”. “L’obiettivo è quello di ottenere che la documentazione storicamente rilevante venga conservata in maniera adeguata e posta in consultazione” – ha spiegato la Presidente Bossa. “La Regione Campania, – si legge nella relazione introduttiva al testo di legge, – nell’ambito della ripartizione delle competenze tra Stato e Regione in materia di beni culturali, non ha, ad oggi, ancora disciplinato il settore dei beni archivistici. E’ dunque quanto mai auspicabile che la Regione approvi una legge per la tutela degli archivi storici, per sostenere e supportare economicamente le Istituzioni e gli enti che intendono tutelare e valorizzare i loro archivi storici”. Per l’esponente dei Democratici di Sinistra “l’approvazione di una legge in questo settore dei beni culturali è di fondamentale importanza per tutti gli interventi di tutela, riordino e fruizione pubblica degli archivi vigilati, laddove per archivi vigilati si intendono gli archivi comunali, provinciali, quelli di enti territoriali in genere, quali gli enti ospedalieri e assistenziali, istituzioni scolastiche, banche, organismi mercantili, enti pubblici economici, organizzazioni di categorie nonché gli archivi privati, familiari, personali, imprenditoriali. La programmazione di tali interventi – spiega la Bossa – non può non tener conto delle peculiari competenze della Soprintendenza Archivistica per la Campania, al fine di creare un organico sistema archivistico sull’intero territorio regionale in grado di offrire un servizio volto non solo alla tutela e alla valorizzazione ma anche alla fruizione di un patrimonio documentario indispensabile alla memoria storica come fonte di cultura, identità e democrazia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here