Regionali, Ciarcia:”Lavoro e ambiente i temi principali su cui lavorare”

Regionali, Ciarcia:”Lavoro e ambiente i temi principali su cui lavorare”

2 Settembre 2020

Michelangelo Ciarcia ha iniziato ieri il suo viaggio elettorale a Morra De Sanctis, dove ha visitato uno dei siti industriali più importanti della Campania, noto per l’eccellenza delle sue aziende. Ha apprezzato poi l’affascinante e caratteristico centro storico medievale di  Sant’Andrea di Conza, prima di concludere a Conza della Campania, passando per l’Oasi naturalistica del Wwf  e l’imponente parco archeologico nella città vecchia.

Diversi i suoi incontri con imprenditori e dirigenti aziendali, operatori del turismo, amministratori locali e le rappresentanze locali del Partito Democratico, presenti anche l’ex Sindaco di Conza Vito Farese e il sen. Enzo De Luca. Come ha ripetuto più volte in queste settimane, Il candidato al consiglio regionale della Campania nella lista del PD ha ascoltato, prima di formulare alcune proposte.

Lavoro e ambiente sono stati i temi al centro della sua giornata in Alta Irpina.

«L’innovazione tecnologica, una formazione continua per la qualificazione professionale degli addetti, investimenti massicci sulla infrastrutturazione digitale, possono rilanciare la vocazione industriale della provincia di Avellino, dopo 60 anni di storia scritta da marchi italiani e internazionali importanti» – ha affermato Michelangelo Ciarcia, colloquiando con alcuni imprenditori a Morra De Sanctis e Sant’Andrea di Conza-.

«No si tratta di belle parole, ma di fatti che il lavoro e la fiducia di imprenditori e rappresentanti istituzionali stanno rendendo possibile già in queste ore» – ha puntualizzato -.

«La sfida straordinaria lanciata a Nusco dalla Newco SAI, filiera tedesca – cinese – italiana di Schlote Automotive Italia, Bohai Trimet, e Sira Industrie, il grande progetto sulla mobilità digitale del Borgo 4.0 di Lioni, promosso dalla Filiera Automobilistica Italiana dell’Anfia presieduta dall’ing. Paolo Scudieri e sostenuta dalla Regione Campania, dimostrano che il Mezzogiorno e l’Irpinia possono tornare protagoniste in Italia e in Europa valendosi di ciò che hanno».

Il candidato al consiglio regionale della Campania nella lista del PD ha ribadito la forza e la valenza del progetto messo in campo dal Governatore Vincenzo De Luca, «capace di dialogare con le Aree Interne». Si tratta di un percorso appena avviato, ha aggiunto. «Nei prossimi cinque anni grazie alla lungimiranza del Presidente De Luca, valendoci delle preziose infrastrutture realizzate dopo il terremoto e di quelle oggi in costruzione ad esempio nell’Ufita, investendo sul 5G, sulla ferrovia veloce, sui servizi alle imprese, potremo rendere il nostro territorio ancora più appetibile ai grandi players industriali continentali e globali».

In occasione della sua visita a Morra De Sanctis, ricordando e celebrando il contributo culturale decisivo alla unificazione dell’Italia e al protagonismo del Mezzogiorno nel Paese unito dato da Francesco De Sanctis, Michelangelo Ciarcia ha anticipato alcuni degli spunti programmatici inseriti nella piattaforma, che in settimana sarà presentata ufficialmente.

«Non basta parlare di infrastrutture al di fuori di un disegno, di una visione, di una prospettiva e di un serio e realistico crono programma, per proporre la crescita di un territorio» – ha premesso -. «Occorre collegare opere realizzate con progetti in cantiere e risorse in programmazione, unendo un’Irpinia  che rappresenta il baricentro tra Napoli e Bari lungo il Corridoio paneuropeo VIII. Con le idee e la serietà saremo il cuore di un Mezzogiorno finalmente al centro del Mediterraneo, rotta cruciale per gli equilibri geopolitici».

Nel pomeriggio Michelangelo Ciarcia proseguirà il suo viaggio elettorale a Prata Principato Ultra, Santa Paolina, Montemiletto e Montefredane.