Regionali – Angelina Aldorasi: “Le donne non devono scegliere tra il lavoro e la famiglia”

0
20

Giornata impegnativa, ma soddisfacente, quella di ieri, per la Preside Angelina Aldorasi (candidata Ncd alle Regionali) che continua a girare il territorio irpino ed a incontrare persone, spesso in compagnia del Presidente Pietro Foglia.

Ieri è stata la volta di Rotondi, in Valle Caudina (domani, sabato 23 maggio, sarà a Gesualdo a sostegno della lotta contro le trivellazioni).

Angelina Aldorasi ha partecipato ad un convegno insieme al sindaco ed al neo-coordinatore della zona del Nuovo Centro Destra, Dimitri Monetti. Ed ha avuto modo di ribadire alcuni punti fondamentali del suo programma e le sue intenzioni in caso di elezione al Consiglio Regionale.

Anche io sono stanca del classico modo irpino di fare politica. Non ci si può ricordare dei veri problemi a poche settimane dal voto. Io sono per la buona politica, quella che rendiconta quando si occupano posti di potere; quella che si confronta sempre con i cittadini. Metterò al servizio della politica l’esperienza maturata nei tanti anni di scuola, dove mi sono spesa, e continuo a farlo con ottimi risultati, per far crescere gli istituti che ho diretto e dove sono a contatto quotidiano con i giovani e con le famiglie”.

Per questo motivo, la preside non ha dubbi: “Tra le mie prime battaglie, ci sarà quella per far sì che la nostra terra risorga, affinché i giovani non debbano andare via per trovare occupazione. Ci sono le opportunità affinché loro possano restare. Dobbiamo utilizzare al meglio i fondi europei e la capacità delle scuole di formare. Inoltre, un’altra mia battaglia è quella di creare reti di servizi per le donne. Non è giusto che le donne spesso siano costrette a scegliere tra il lavoro e la famiglia”.

Dopo la tappa di Rotondi, una nota lieta e positiva. Il Consorzio irpino per la promozione della ricerca e degli studi universitari di Avellino, infatti, ha premiato Angelina Aldorasi per l’amorevole dedizione ai giovani e ai loro problemi, per la sensibilità e la disponibilità verso le manifestazioni di carattere culturale.

Vorrei innanzitutto ringraziare i professori Saverio Tortoriello, Italo Di Feo e Rosetta Pascucci, veri propri artefici di questa splendida manifestazione, che mette in mostra le eccellenze delle menti e dei cervelli della nostra Irpinia. Il mio ringraziamento va inoltre ai genitori, sempre presenti e vicini alle esigenze scolastiche. Dissento, quando sento parlare di fragilità giovanile. Siamo noi adulti ad essere fragili e disorientatati di fronte al momento difficile che noi tutti stiamo vivendo. Leggo invece nei giovani la voglia di cambiare le cose e di uscire finalmente dal baratro. Invito quindi i ragazzi a mettere l’impegno, la determinazione e il merito al centro del proprio progetto di vita. Non abbiate paura. Investire in voi stessi, investite nel futuro“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here