Reddito di cittadinanza, gli attivisti irpini del M5S chiedono chiarimenti alle amministrazioni locali

Reddito di cittadinanza, gli attivisti irpini del M5S chiedono chiarimenti alle amministrazioni locali

13 Ottobre 2020

“Il nostro contributo e le nostre attività non vengono assolutamente meno con la fine della campagna elettorale regionale appena trascorsa. Anzi rilanciamo un impegno partecipato e condiviso sui vari territori per affrontare i problemi e soprattutto fare da pungolo alle questioni locali che necessitano di soluzioni”, così gli attivisti del M5S di Bagnoli, Montoro, Solofra e del Vallo Lauro.

“Per questo – continuano – in sinergia con la deputata Maria Pallini, abbiamo presentato e protocollato una istanza che ha come scopo quello di capire quali siano le iniziative concrete poste in essere dalle nostre amministrazioni locali al fine di realizzare i Progetti Utili alla Collettività (PUC) per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16, a cui avviare i percettori del reddito di cittadinanza”.

“Da cittadini attivi, oggi più che mai, continuiamo a voler essere sentinelle dei territori. Vogliamo continuare a fare la nostra parte per il bene comune e, soprattutto, chiediamo chiarezza e trasparenza rispetto alle scelte prese a livello amministrativo. Il nostro impegno sarà sempre ispirato all’interesse generale. Ringraziamo Carmen Bochicchio per il supporto operativo che anche in questa iniziativa non ci ha fatto mancare”, dichiarano i gruppi attivi di Bagnoli, Montoro, Solofra e del Vallo Lauro.