Quando l’unione fa la forza: Avellino per due giorni palcoscenico del grande calcio paralimpico

0
1084

Avellino palcoscenico del grande calcio paralimpico. La città capoluogo d’Irpinia è stata scelta come sede dove disputare la 3^ e 4^ giornata del campionato nazionale di torball serie A, in programma sabato 22 e domenica 23 gennaio. Un’occasione importante che nasce anche grazie ad una perfetta sintesi ed intesa tra varie realtà operanti sul territorio.

All’idea lanciata dal gruppo sportivo per Atleti tipo e non vedenti “Nuova realtà Campana” di Avellino, capitanato da Giuseppe Vitale, hanno subito risposto presenti l’amministrazione comunale, il Coni provinciale e l’Istituto “Publio Virgilio Marone”. Le gare si disputeranno nella palestra della scuola della dirigente Lucia Forino. “La richiesta che Giuseppe Vitale ci ha fatto con molto garbo – spiega la dirigente del liceo statale di via Tuoro Cappuccini – ci ha onorati: ospitare un torneo di torball ci concede l’opportunità di sottolineare con i nostri studenti, quanto lo sport sia uno strumento importantissimo per il benessere psicofisico, per integrare, includere. Lo sport, soprattutto in questo periodo, ci consente di ristabilire aspetti relazionali importanti”.

“Avendo la possibilità di ospitare le gare, la nostra palestra è dotata del parquet, abbiamo subito risposto positivamente alla richiesta di Vitale. Noi siamo scuola che vive sul territorio, del territorio e per il territorio, la disabilità è nel territorio e noi non possiamo non prendercene cura”, dice ancora la Forino: “Fare formazione ai ragazzi vuol dire sottolineare che ci sono delle differenze che, però, non devono trasformarsi in diversità sociali ed economiche. La scuola, anzi, ha il dovere di colmare i gap laddove sia possibile. E’ cosa buona e giusta partecipare ad un’azione che può essere educativa per tutti, non solo per i nostri studenti, ma per tutta la città”.

“Ognuno di noi è tenuto a fare la propria parte per dare opportunità e possibilità e per superare ostacoli che, in alcune persone, sono più evidenti. L’integrazione, ovvero riuscire a sostituire all’ostacolo le possibilità, è un dovere di tutti noi”.

Il Coni provinciale, con il suo delegato Giuseppe Saviano, è impegnato da sempre contro ogni tipo di barriera, architettonica e mentale. “E’ da sempre la nostra linea di pensiero, la nostra azione. Sta crescendo molto, anche in città ed in Irpinia, la sensibiltà verso gli sport paralimpici. Sono sicuro che sabato e domenica assisteremo a gare emozionanti e spettacolari. Da Avellino parte un messaggio molto importante, lo sport è un segnale di grande speranza per tutti, il comun denominatore degli sportivi è la tenacia”.

Sulla stessa linea anche il sindaco di Avellino. “Sono qui proprio per sottolineare la grande tenacia, il coraggio e la caparbietà sempre dimostrati da Vitale ed i suoi atleti”, afferma Festa. “Senza mai lamentarsi o rassegnarsi, dimostrano di essere presenti e pronti a dare il loro contributo. La nostrà città è pronta alle grandi sfide, il torball è una di queste, la vinceremo”.

Darà l’anima in campo, come fa sempre fuori, capitan Vitale. “Nuova realtà campana” occupa la sesta posizione in classifica e quindi è chiamata a vendere cara la pelle. “Difenderemo la massima serie con le unghie”.

Alla giornata parteciperanno circa 60 atleti provenienti da varie parti d’Italia, tra cui troviamo, oltre l’Avellino, il Colosimo Napoli, la Reggina, l’Olimpic Paideia Sporting (CB) e due compagini siciliane, l’Augusta e il Fucà Enna.

Le gare della Federazione Italiana sport Paralimpico per Ipovedenti e ciechi prenderanno inizio sabato alle 14.30 e domenica dalle ore 08.15.