Promozione – Bozzi, quanta emozione per l’abbraccio molosso

0
3

Promozione – Un sabato pomeriggio di campionato certamente non come tutti gli altri per Stanislao Bozzi. Nella trasferta di San Michele di Serino, il tecnico della Bisaccese ha ricevuto l’abbraccio di un folto gruppo di supporters della Nocerina, accorsi ai piedi del Terminio per omaggiare il loro beniamino di fine anni ’70. Il gruppo Vecchio Blocco – rinato nel dicembre 2011 per unire i tifosi molossi di vecchia data – infatti, ha deciso di vivere a modo suo il derby mancato con la Salernitana, recandosi al “Comunale” per sostenere il trainer apicese, che ha vestito la casacca rossonera per tre stagioni dal 1976 al 1979 con 41 reti all’attivo. “Abbiamo voluto onorare la nostra maglia, che periodicamente ci offre gioie e dolori, omaggiando una nostra bandiera. Nel ricordo di un vecchio mondo del calcio e del tifo che noi abbiamo amato, Stanislao Bozzi, attualmente allenatore della Bisaccese, è l’emblema di una mentalità di intendere il calcio, quando potevi andare allo stadio con il tuo gruppo senza tante limitazioni e restrizioni. Bozzi è l’icona di quegli anni, in cui gli stadi erano pieni, non solo di spettatori ma anche di passione.  I calciatori oggi sono interessati esclusivamente ai loro contratti, a guadagnare sempre di più, a cambiare squadra come si cambia un paio di vecchie scarpe e sempre meno interessati ai propri tifosi ed alle vicende del club per cui hanno la fortuna di giocare”.
Così si legge nella nota diramata dal gruppo, che a distanza di 35 anni ha inteso dar vita ad una sorta di Bozzi-day per la gioia e lo stupore del trainer apicese: “E’ stata davvero una bella sorpresa – commenta emozionato – Ringrazio tutti i tifosi che mi hanno dato una testimonianza diretta del loro affetto. Hanno assistito alla partita con gli striscioni dell’epoca. La mia mente è andata indietro nel tempo di parecchi anni”. “I tifosi della Nocerina stanno vivendo un periodo difficile – prosegue – La loro squadra è stata un po’ bistrattata. Ritengo esagerata la punizione inflitta dalla Giustizia Sportiva. Si è optato per una sanzione esemplare calpestando la storia di un club di grossa tradizione”. L’attestato di stima riservatogli dai suoi vecchi tifosi gli farà da stimolo per il rush finale con la sua Bisaccese: “Abbiamo una gara importante con il Carotenuto. Puntiamo a vincere le due partite casalinghe e a fare il massimo in trasferta. Lotteremo col coltello tra i denti per raggiungere la salvezza”. (Claudio De Vito)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here