Processo ex Isochimica, D’Andrea: “Finalmente a tutti sarà dato sapere quello che è accaduto”

Processo ex Isochimica, D’Andrea: “Finalmente a tutti sarà dato sapere quello che è accaduto”

22 Luglio 2016

“Il dato positivo che emerge, dopo la sentenza del giudice delle udienze preliminari, è che finalmente vi sarà il giusto luogo dove poter far luce sulla intera “questione” Isochimica. Questa sentenza, infatti, concede ai lavoratori e alla città di Avellino la possibilità di discernere e di comprendere ciò che avvenne  in quel periodo nella  fabbrica di rione Ferrovia. Anche  i tanti rinviati a giudizio avranno modo di far emergere quelle che sono state le loro posizioni, i loro impegni personali e di funzioni, nel rispetto di ogni diritto; mai dovranno a queste persone riservarsi pregiudizi di colpevolezza o semplicismi comportamentali e interpretativi. Si scadrebbe, in questo caso, in difetti da arretratezza mentale che oltraggiano la civiltà giudiziaria e i costumi.”

Così il consulente medico dei lavoratori ex-Isochimica, Aldo D’Andrea, all’indomani della sentenza di rinvio a giudizio per 27 indagati nel processo dell’ex stabilimento di Borgo Ferrovia.

“Finalmente una pagina di cattiva storia industriale troverà orecchie attente e a tutti sarà dato sapere quello che è davvero accaduto – prosegue D’Andrea – Un riconoscimento deferente la città di Avellino deve manifestarlo alla Procura della Repubblica di Avellino, perché, con tenacia e in maniera apprezzabile, ha perseguito scopi di giustizia e, se mi è consentito, di salvaguardia dei valori della democrazia. Con il processo, si apre una pagina su cui, alla fine, si scriverà sicuramente questa ultima frase: mai più, in nome della avidità e delle speculazioni, si dovranno consumare abusi sulla pelle dei lavoratori.”


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.