Prende a calci un tifoso al Renzulli di Ariano: daspo di due anni per un 21enne

0
1239

Nell’ambito delle attività dirette a infrenare il fenomeno della violenza in occasione delle manifestazioni sportive, il Questore della Provincia di Avellino, ha disposto il provvedimento di DASPO (Divieto di accesso alle manifestazioni sportive) per anni 2 nei confronti di un 21enne di Ariano Irpino autore della violenta aggressione ai danni di uno spettatore nel corso di un incontro di calcio disputatosi presso la stadio comunale Renzulli di Ariano Irpino.

L’adozione del provvedimento scaturisce da una mirata attività di indagine esperita da parte del personale del citato Commissariato che ha portato alla compiuta identificazione e alla successiva denuncia all’A.G. di un tifoso quale autore di condotta illecita, ovvero dell’aggressione, per futili motivi, nei confronti di un altro tifoso il quale, dopo essere stato oggetto di scherno e ripetute ingiurie, è stato colpito alla spalle da un forte calcio che gli ha procurato una rovinosa caduta fino a farlo urtare contro una barriera metallica riportando nella circostanza, alcune fratture pluriframmentarie.

Inoltre,  gli Agenti del predetto Commissariato hanno denunziato alla Procura della Repubblica di Benevento, un 56enne di Santa Maria Capua Vetere, indagato, allo stato degli atti, di truffa posta in essere nei confronti di un uomo residente nel comune Irpino.

All’identificazione del 56enne, tra l’altro con a carico specifici precedenti, si è arrivati a seguito di denuncia sporta dalla vittima che, completamente estraneo alla vicenda, si era visto arrivare la documentazione inerente un prestito di circa 1600 euro stipulato a suo carico da un istituto di credito del napoletano . L’attività investigativa condotta nella circostanza ha consentito di accertare che il presunto autore della truffa, titolare di una rivendita di elettrodomestici, era riuscito, con documenti falsi, ad ottenere il prestito la cui somma, da restituire in diverse rate, erano a carico del malcapitato.

Infine il Questore di Avellino, a conclusione dell’attività istruttoria finalizzata alla verifica dei presupposti per l’irrogazione della misura di prevenzione ha emesso il provvedimento DacUr, (Daspo Willy) a carico di un 49enne residente in Ariano Irpino, resosi autore di lesioni personali aggravate in danno di un 50enne del luogo. L’episodio risale alla fine del mese di luglio allorquando, in prossimità di un bar della centrale piazza di Ariano irpino il 49enne, per futili motivi ha aggredito la vittima colpendola con un violento pugno al volto, procurandogli nella circostanza una frattura mascellare scomposta. L’aggressore, nella circostanza ha promesso ulteriori violenze nel caso in cui si fosse rivolto alle Forze di Polizia per rilevare l’accaduto.  Allo stesso, pertanto, a  seguitodell’emissione del provvedimento  è stato fatto divieto per anni due di accedere ai locali siti nella zona nonché a stazionare nelle immediate vicinanze.