“Premio scuola digitale”, terzo posto per il Convitto Nazionale di Avellino. Calitri primo va in finale

7 Giugno 2020

“Premio scuola digitale”, Avellino (con il “Convitto”per il primo ciclo e il Maffucci di Calitri per il secondo ciclo) sono sul podio dei vincitori. Calitri al primo posto parteciperà alla finale nazionale.

Si è svolta ieri la finale della fase regionale della seconda edizione del Premio, organizzata on line dall’ITI-LS “Francesco Giordani” di Caserta. Il Premio Scuola Digitale, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha la finalità di premiare l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane.

Le finaliste sono state: il Convitto Nazionale “P. Colletta” di Avellino, l’Istituto Comprensivo “Padre Isaia Columbro” – Tocco Claudio di Benevento, l’Istituto Comprensivo “Ruggiero – 3° Circolo” di Caserta, la Scuola Secondaria di 1° Grado “Andrea Belvedere” di Napoli e l’Istituto Comprensivo “Gennaro Barra” di Salerno.

Prima della gara, ci sono stati i consueti saluti istituzionali da parte della Dott.ssa Antonella Serpico D.S. ITI-LS “F. Giordani”, della Dott.ssa Simona Montesarchio, Direzione Generale per i Fondi Strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale, della Dott.ssa Luisa Franzese, Direttore Generale Dell’USR-Campania, della Dott.ssa Lucia Monaco assessore alla Cultura del Comune di Caserta, ed, infine, della Dott. ssa Paola Guillaro Referente Regionale dell’Equipe Formativa.

La manifestazione, diversa da quella svolta in presenza durante la fase provinciale, è stata molto piacevole ed interessante. Nonostante la nuova modalità a distanza, le scuole e gli alunni partecipanti si sono fatti trovare ben preparati. È stata una sana e naturale competizione dove tutti hanno dato il massimo, presentando i propri progetti con chiarezza ed in modo accattivante.

Il primo premio è stato conferito agli alunni della Scuola Secondaria di 1° Grado “Andrea Belvedere” di Napoli con il progetto “robotica educativa coding e stampa 3D, imparare progettando”.

Il Convitto Nazionale “P. Colletta” di Avellino si è aggiudicato il terzo posto. Gli alunni della classe VA, Stefano Magnotti e Marianna Pagliarulo, guidati dalla docente Ida Guarino, hanno presentato il lavoro “Storia di Re Odisseo”, prodotto finale di un progetto lettura che li ha accompagnati nei cinque anni della Scuola Primaria, con la finalità di promuovere un autentico “piacere” nei confronti del “testo” e di stimolarli a livello affettivo, emotivo, cognitivo e sociale.

Gli alunni hanno raccontato il viaggio del re guerriero, Odisseo, con la metodologia dello Storytelling, l’arte di raccontare storie attraverso vari linguaggi: la scrittura, la narrazione, l’immagine, la musica, la tecnologia. Sotto la guida di uno studente della Scuola Secondaria di Secondo Grado, Roberto Sessa, hanno, anche, realizzato un video con il programma “Camtasia”.

Lo storytelling è una strategia molto efficace, perché permette di affrontare ogni tematica, oggetto di studio, da un punto di vista interdisciplinare, potenziando il cooperative learning ed il lavoro di squadra, e rendendo gli alunni protagonisti del proprio processo di apprendimento.

Sicuramente, il progetto “Storia di Re Odisseo” è un esempio didattico all’avanguardia, frutto di un utilizzo creativo della tecnologia.

La Dirigente Scolastica, Prof.ssa Mariateresa Brigliadoro, sempre attenta all’innovazione digitale, supporta e promuove iniziative in tale direzione. Infine, ma non per ultimo, va menzionato il prezioso contributo di tutto il team digitale, in particolare, dell’animatore, la prof.ssa Maria Antonia Vesce, che altrettanto favorisce, all’interno del Convitto Nazionale “P. Colletta” di Avellino la promozione della cultura del “digitale consapevole”.