Pratola Serra, la maggioranza consiliare: “Aufiero ora si dimetta”

0
1223

Si riporta il comunicato della maggioranza consiliare di Pratola Serra.

L’ex presidente del consiglio comunale ed ex sindaco, attuale consigliere di minoranza Tonino Aufiero, il 2 marzo scorso è stato condannato per danno erariale e dovrà risarcire 36.107,76 euro, oltre rivalutazione monetaria anno per anno ed interessi legali sulla somma rivalutata dalla data di deposito della sentenza e spese accessorie e di giustizia, per aver: “consapevolmente percepito somme che non gli spettavano, venendo meno al dovere di informare gli Enti interessati della sussistenza del detto cumulo di incarichi”.

A sentenziarlo è la Corte dei Conti –Sezione Giurisdizionale Campania, a seguito dell’informativa pervenuta dal Nucleo di Polizia economico – finanziaria della Guardia di Finanza di Avellino.
L’indebita percezione è riferita al cumulo di emolumenti connessi alla contestuale carica di sindaco del Comune di Pratola Serra e consigliere provinciale, nel periodo giugno 2010 – febbraio 2013.

Inequivocabili le conclusioni del Collegio dei Magistrati riguardo l’elemento oggettivo del Danno: “le condotte antigiuridiche poste in essere dal convenuto (Aufiero) siano assistite da dolo, avendo questi percepito emolumenti non spettanti, nella piena consapevolezza della loro non debenza.”

Siamo al contrappasso dantesco! Parla dell’indebita percezione altrui, nel mentre viene condannato in contumacia per l’illecita corresponsione: “perseverando nella reticenza”.

Condotte antigiuridiche, Reticenza, Danno Erariale, Omissione e Dolo, sono il perfetto riassunto e il solo epilogo possibile della farsa durata fin troppo e della quale Pratola Serra è stata vittima.

La condanna sia un monito soprattutto per chi, dopo i gravi accadimenti degli ultimi anni, continua a non avere parole chiare sulle condotte assunte.

La Corte dei Conti faccia piena luce anche sull’intero trascorso amministrativo, perché sarebbe profondamente ingiusto che a pagare siano i Cittadini.

Come l’emerito ha più volte chiosato: la verità è figlia del tempo, vince sempre e viene sempre a galla.

Ebbene siamo pienamente d’accordo!