Prata, a “caccia” del corpo senza vita di Mimì nel giorno del suo compleanno

0
4839

A “caccia” del corpo senza vita di Mimì nel giorno del suo compleanno. Domenico Manzo, l’uomo scomparso da Prata Principato Ultra la sera dell’8 gennaio 2021, il 1° luglio avrebbe compiuto 71 anni. Scherzi di un destino beffardo e, nei confronti dell’operaio in pensione, anche molto cinico. Proprio domani, a partire dalla mattina presto, i carabinieri del comando operativo di Avellino, coadiuvati dai vigili del fuoco e da reparti speciali e dai droni, proveranno a trovare quel che resta dell’uomo.

Le ricerche si concentranno in due zone in particolare di Prata, ovvero la stazione e la basilica dell’Annunziata. Un raggio d’azione non molto ampio, già battuto nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa di Mimì. Dopo più di un anno, circa 30 carabinieri, più altre forze, torneranno sui posti che sono quei luoghi, in sostanza, dove lo scomparso sarebbe stato visto per l’ultima volta.

Ma, stando alle indiscrezioni, questa volta i carabinieri sanno con esattezza dove cercare e cosa cercare. Sono stati già selezionati i posti, non sarà una caccia “al buio”. Il cerchio si sta per chiudere, sembra che gli inquirenti abbiamo, di questo, la certezza. Dalle immagini delle telecamere, la maggior parte private, in loro possesso, sarebbero emerse prove schiaccianti.

Nelle prossime ore dovrebbero esserci anche altri interrogatori ma ormai il quadro pare essere delineato. Domani, dunque, un giorno importante. Si inizierà molto presto, a seguire le operazioni anche molte troupe televisive nazionali, tra cui “Chi l’ha visto” con Filomena Rorro. Ci sarà ovviamente anche la figlia di Mimì, Romina (indagata per sequestro di persona e false dichiarazioni al Pm) assistita dall’avvocato Federica Renna.