Poco personale, ufficio tributi al collasso: è allarme dal Comune

Poco personale, ufficio tributi al collasso: è allarme dal Comune

13 Febbraio 2019

Settore disorganizzato e poco personale, sos dall’Ufficio Tributi di Avellino. La responsabile Angela Stramaglia scrive al commissario Giuseppe Priolo, al segretario generale Vincenzo Lissa ed al dirigente del settore Gianluigi Marotta per segnalare una serie di problematiche, destinate ad incidere pesantemente sulla gestione dei tributi in città.

Nella lettera si ricorda che l’ufficio gestisce tutte le attività connesse ad Imu e Tari per 54mila abitanti. Un carico di lavoro che, evidentemente, non riesce a gestire al meglio per inadeguatezze infrastrutturali e carenza di personale qualificato. Un quadro precario ulteriormente aggravato da alcuni pensionamenti e trasferimenti di personale.

Una serie di criticità “più volte segnalate alle precedenti amministrazioni, che non consentono di assicurare le ordinarie attività d’ufficio, ma soprattutto non consentono una puntuale attività accertativa per la Tari e soprattutto per l’Imu”.

Nella nota, la Stramaglia chiede “di attivarsi per una riorganizzazione di tutto il personale del servizio tributi, con ricostituzione dell’ufficio Imu, tenendo conto degli avvenuti pensionamenti, delle scadenze del personale a tempo determinato e dei pensionamenti prossimi”