Piazza Libertà, Tunnel e Piazza Castello: Foti detta i tempi sui cantieri aperti

Piazza Libertà, Tunnel e Piazza Castello: Foti detta i tempi sui cantieri aperti

23 Aprile 2017

Tunnel, Piazza Libertà, Piazza Castello, Piazza Garibaldi e arterie cittadine: il sindaco di Avellino, Paolo Foti, detta i tempi sull’ultimazione dei lavori e sulla conseguente restituzione delle suddette zone alle loro funzioni. La fascia tricolore è intervenuta ieri mattina a margine dell’inaugurazione di Piazza della Cittadinanza Attiva, il nome scelto per denominare lo slargo antistante Villa Del Franco: un omaggio al lavoro portato avanti dai Lions Avellino.

Otto/nove mesi di sacrificio e il Tunnel verrà completato, stando alle rassicurazioni di Foti e del titolare ai lavori pubblici Costantino Preziosi, tuttavia la città dovrà sopportare la chiusura del Ponte della Ferriera a partire da metà maggio e fino all’ultimazione dei lavori, con tutti i conseguenti problemi di viabilità, visto che il cavalcavia è l’unico accesso alla parte est del capoluogo irpino. Chi arriva da San Tommaso dovrà dunque attraversare via San Leonardo o spostarsi sulla bretella verso Piazzetta Perugini.

Per quanto riguarda Piazza Libertà sarà conclusa definitivamente a novembre quando, oltre all’agorà in sé, saranno completati anche i lavori su Piazza Garibaldi e il riammagliamento con le strade circostanti. Quest’ultimo sarà concluso in quattro mesi a partire da luglio e interesserà anche Via Matteotti, Via De Sanctis, Via Due Principati e Via Cascino. Trattasi del cantiere più ingombrante secondo il primo cittadino, ma in autunno la piazza sarà definitivamente restituita alla città.

A Piazza Castello il 30/40% dei lavori sono stati già effettuati dal Comune, manca la pavimentazione (se ne occuperà la ditta Cogepa) ed alcuni interventi minimali alle fognature, come suggerito dall’assessore Preziosi.

Infine le strade gruviera, a partire da Via Circumvallazione: dopo l’esito del bilancio di previsione e di quello consuntivo, Palazzo di Città accederà ad un mutuo da un milione di euro per rimettere in sesto alcune strade cittadine, il cui manto è in pessime condizioni.

di Renato Spiniello.