Pavoncelli, Giuditta al Ministro Di Pietro: “Ora dimettiti”

0
12

Avellino – “Di fronte alla cieca intenzione di perseguire forzatamente procedure illegittime e dopo che anche il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche di Roma si è espresso dando parere negativo sull’ampliamento dell’acquedotto denominato Pavoncelli bis per il Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro è arrivato il momento di dimettersi”. E’ la richiesta avanzata dal deputato dell’Udeur Pasquale Giuditta, dopo che la corte suprema delle Acque ha bocciato la realizzazione dell’opera situata in provincia di Avellino. Tra le motivazioni sottolineate: “La violazione dell’obbligo d sottoporre a preventiva valutazione di impatto ambientale la realizzazione del progetto, ha annullato gli atti commissariali impugnati, travolgendo l’intera procedura di aggiudicazione ma soprattutto ha riconosciuto l’illegittimità della gara per assenza di copertura finanziaria”, si legge nela nota. “Ci stupisce infatti — continua Giuditta — come un fine conoscitore della legge che in un recente passato si è distinto per la sua integerrima applicazione abbia potuto essere sordo e cieco di fronte ai richiami della popolazione irpina , alle interrogazioni parlamentari presentate e ai pareri sfavorevoli espressi in più occasioni da ministri e parlamentari di questa legislatura. Di fronte a comportamenti così irresponsabili — conclude Giuditta – un ministro che causa con i suoi atti danni al territorio della repubblica sulla quale ha giurato dovrebbe trarre immediatamente le dovute conseguenze che non possono non essere le dimissioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here