VIDEO/ Pastori Capocastello, il vescovo Aiello rinnova le scuse: “Già troppe guerre, cerchiamo la pace”

0
1468

“Le mie parole sono state strumentalizzate. Sono stati estrapolati pochi secondi da un’omelia di oltre trenta minuti e da una celebrazione durata più di due ore. Ho già chiarito con il sindaco Vittorio D’Alessio e con il parroco di Capocastello don Vitaliano della Sala che non avevo intenzione di offende la suscettibilità di nessuno e se l’ho fatto chiedo umilmente scusa. Ci sono già troppe guerre in giro e non è il caso di crearne di altre”.

Così il vescovo di Avellino, Mons. Arturo Aiello, chiude il caso dei “pastori tagliateste”. Lo stesso primo cittadino mercoglianese, Vittorio D’Alessio, aveva invitato già ieri sera la sua comunità a chiudere definitivamente il caso a seguito di un incontro proprio con Aiello.

“Bisogna cercare la pace” continua l’alto prelato, intervenuto questa mattina nell’aula magna dell’ospedale Moscati per una lezione sull’umanizzazione in sanità. Il vescovo ha parlato di bene comune anche guardando alle imminenti elezioni amministrative che coinvolgeranno la città capoluogo e una cinquantina di comuni irpini. “Le amministrazioni – afferma il vescovo – devono essere al servizio dei cittadini e non si devono focalizzare su singole persone”. Infine un messaggio di appoggio al popolo dei trattori, del resto un presidio di coltivatori e allevatori è presente in città proprio nei pressi della Diocesi di Piazza Libertà. “L’agricoltura va incoraggiata – motiva Aiello -. Ritengo quindi giusta questa rivolta pacifica”.