Offensiva criminale ad Avellino, iniziato il vertice in Procura

Offensiva criminale ad Avellino, iniziato il vertice in Procura

3 Ottobre 2019

Renato Spiniello – Offensiva criminale ad Avellino, gli organi inquirenti fanno sul serio. Dopo il tavolo a Palazzo di Governo, a cui su invito del Prefetto Maria Tirone hanno partecipato i vertici delle Forze dell’Ordine e di Polizia del territorio, e l’arrivo nel capoluogo dei reparti speciali del C.I.O. del 10° Reggimento Carabinieri Campania di Napoli a supporto dell’Arma provinciale, in Procura ad Avellino sbarcano anche i magistrati della Dda di Napoli, guidati dal procuratore aggiunto Luigi Frunzio, e il numero uno della Procura di Napoli Giovanni Melillo.

I magistrati napoletani sono riuniti in vertice con quelli irpini, guidati dal Procuratore Rosario Cantelmo, negli uffici di Piazza D’Armi. La loro è una presenza significativa dell’importanza che viene attribuita alle ultime vicende avvenute nel capoluogo irpino e nel suo hinterland più prossimo.

La bomba all’auto di Sergio Galluccio, gli spari ai veicoli della famiglia di Damiano Genovese, l’agguato all’Assessore Geppino Giacobbe e altri episodi legati al racket, all’estorsione e all’usura, per gli inquirenti potrebbero essere collegati. Le piste seguite porterebbero ad ex membri del clan Partenio che, approfittando di arresti eccellenti tra le famiglie Cava e Graziano, mirerebbero appunto a prendersi il capoluogo.

Una potenziale offensiva che gli inquirenti vogliono stroncare al più presto, dal vertice in corso si delineeranno le future strategie investigative da portare avanti per le indagini.