La guerra della nocciola non ignora Avellino

La guerra della nocciola non ignora Avellino

24 Agosto 2021

La “guerra della nocciola” non schiverà il territorio di Avellino. Il capoluogo irpino e i dintorni, infatti, garantisce la metà delle oltre 39mila tonnellate di nocciole prodotte in Campania. Tutto è iniziato con il progetto dell’azienda dolciaria Ferrero, “Progetto Nocciola Italia”, per intensificare la produzione di nocciole italiane da utilizzare nella realizzazione della Nutella e di altri prodotti. Un modo per non essere eccessivamente dipendenti dalla Turchia, dalla quale oggi è garantito il maggior rifornimento di nocciole adoperate dalle multinazionale italiana.

Il progetto dell’azienda, però, ha mobilitato associazioni ambientaliste in tutta Italia. La principale preoccupazione, ventilata dai gruppi attivi sul territorio, è che l’incremento della produzione di nocciole possa rovinare l’equilibrio ambientale, erodere le risorse garantite dal territorio e nel medio-lungo periodo andare anche ad alterare la produzione stessa del frutto. I prossimi mesi riveleranno quanto il fronte del “no” al progetto dell’azienda dolciaria Ferrero sia consistente.