Mose Montemiletto, Proposta Concreta scrive a De Stefano

0
19

“Gentile Presidente De Stefano – si legge nella nota di Simone D’Anna – nonostante sia passato molto tempo, la controversia dei debiti MO.SE. – ACS ( parliamo di un milione come diciamo noi o due milioni e mezzo come invece sostiene l’Alto Calore poco cambia) non ci sembra che sia stata risolta in modo davvero “esemplare ” e ci dispiace dirlo, anche un’altra questione ci appare ancora molto poco chiara, questa volta ci riferiamo ad un ELENCO di fatture NON pagate, la cui vicenda risale almeno dal 2013, per un importo a nostro avviso considerevole di  circa “ 330.000,00 euro”  di DEBITI, VERI O PRESUNTI che il Comune di Montemiletto AVREBBE, e ripetiamo AVREBBE, direttamente nei confronti dell’Alto Calore Servizi, quindi almeno questa volta la vicenda riguarda un Ente pubblico e non si tratta più della solita MO.SE..

Ebbene, non le sembra che sia giunto il momento di intervenire e di chiarire definitivamente come stanno veramente le cose o vuole far finta di IGNORARE il problema allo stesso modo, a dir poco superficiale, con cui l’argomento è stato affrontato, perfino in consiglio comunale,  dall’amministrazione comunale di Montemiletto, ci rendiamo perfettamente conto che tali spinose vicende possano creare sempre diciamo un certo “imbarazzo politico” ma prima o poi bisogna comunque affrontarle o no? Noi invece siamo certi che lei non era assolutamente al corrente di quanto le stiamo dicendo ora, e pertanto confidiamo in vostro rapido e risolutivo interessamento, sia per rispetto dei cittadini di Montemiletto ma anche e sopratutto verso i dipendenti dell’Alto Calore Servizi che a quanto pare non navigano in buone acque.”