Moscati, nigeriano aggredisce un’infermiera: denunciato e bloccato dai poliziotti

Moscati, nigeriano aggredisce un’infermiera: denunciato e bloccato dai poliziotti

10 Aprile 2019

Un ennesimo episodio che pone l’accento sulla questione sicurezza del personale sanitario all’interno delle strutture ospedaliere. Un uomo di ventotto anni di origini nigeriane si è recato ieri mattina, martedì 9 aprile, presso l’ospedale Moscati di Avellino per un prelievo sanitario. Ha preso il ticket e si è messo in fila. Poi ad un certo punto, stanco di aspettare, ha arbitrariamente deciso di inveire contro il personale e si è chiuso nella sala medica costringendo, dietro minacce, l’infermiera di turno a fargli il prelievo.

“Ora fammi il prelievo o finisce male” avrebbe detto all’infermiera che terrorizzata ha obbedito ma, appena l’aggressore si è distratto, ne ha approfittato per fuggire e chiamare aiuto. Gli agenti di Polizia in servizio presso l’ospedale sono intervenuti ed hanno ascoltato la testimonianza della donna.

Il ventottenne è stato fermato e interrogato dai poliziotti delle Volanti guidate dal vice questore Iannuzzi. Si tratta di un uomo già noto alle forze dell’ordine, nigeriano e rifugiato politico che è stato hanno denunciato per violenza privata e minacce. La polizia ha inoltre avvisato l’ufficio immigrazione per valutare il caso e pre prendere provvedimenti. L’infermiera ha presentato querela.