Morto di tumore ai domiciliari: nuove indagini

Morto di tumore ai domiciliari: nuove indagini

14 Novembre 2019

di Andrea Fantucchio – Nuove indagini sulla morte di Giuseppe Ferraro, 66 anni, deceduto mentre era ai domiciliari per un tumore. Per i legali, Annibale Schettino e Antonio Mercogliano, la malattia non sarebbe stata diagnosticata in tempo. Il gip, Marcello Rotondi, ha archiviato l’inchiesta su un responsabile sanitario del carcere di Bellizzi Irpino, ma disposto una nuova iscrizione di reato (al momento contro ignoti) per responsabilità colposa per morte in ambito sanitario.
Il detenuto è stato arrestato nel maggio del 2016 per una condanna definitiva di 4 anni. Aveva varie malattie e problematiche come difficoltà a camminare e diabete in stato avanzato. Così era stata presentata un istanza di detenzione domiciliare, respinta dal magistrato di sorveglianza. Solo un anno dopo è stato diagnosticato il tumore. Ora il tribunale ha vuole vederci chiaro e capire se ci siano state colpe da parte di chi ha visitato il detenuto.