Montella, evento softair: lettera aperta dell’Asa

0
616

L’associazione ambientalista ASA scrive al sindaco di Montella e al Presidente dell’Ente Parco la seguente lettera aperta:

Evento Softair (denominato “Pattuglia a lungo raggio”) che avrebbe dovuto svolgersi nei giorni 27 e 28 novembre 2021 sull’altopiano di Verteglia, nel territorio di Montella (AV), nell’ambito del Parco dei Monti Picentini.

Mancato riscontro alle richieste inoltrate dalle associazioni ambientaliste ASA – WWF Sannio e WWF Silentum – ASOIM– indirizzate al comune di Montella e all’Ente Parco.

 

Egr. sig. Sindaco di Montella,

Egr. sig. Presidente dell’Ente Parco,

come è ben noto, quantomeno per l’eco che ne ha avuto sulla stampa provinciale, l’iniziativa di SOFTAIR, denominata “Pattuglia a lungo raggio”, alla quale il comune di Montella ha improvvidamente concesso il proprio Patrocinio Morale senza che l’Ente Parco si fosse pronunciato (giusta delibera di G.C. n. 199 del 15.11.2021), ha suscitato sconcerto ed indignazione non solo tra le Associazioni ambientaliste, ma anche nella pubblica opinione maggiormente sensibile ai temi ambientali.

Dette associazioni hanno tempestivamente espresso il loro fermo dissenso rispetto all’iniziativa -fortunatamente non tenutasi solo grazie alle avversità atmosferiche- attraverso autonome missive inviate agli enti in indirizzo con le quali, all’unisono, hanno evidenziato e denunciato:

  1. ASA, con nota dell’1 dicembre 2021, lo stridente contrasto con le norme poste a tutela dell’area ZPS, identificata dal codice IT5040021 – Picentini, nella quale la patrocinata attività di softair avrebbe dovuto svolgersi;
  2. ASOIM, con nota in data 30 novembre 2021, la pericolosità ambientale dell’evento stesso per l’elevato valore ornitologico dell’area predisposta derivante dalla presenza di specie inserite nell’Allegato 1 della Direttiva Uccelli (2009/147/CE), la quale esplicitamente vieta le attività che arrecano enorme disturbo alle specie inserite in tale allegato;
  3. WWF Sannio e WWF Silentum, con nota congiunta in data 2 dicembre 2021, la violazione dell’art. 11 comma 3 della legge quadro sulle aree protette 394/91, che vieta il disturbo delle specie animali, con la conseguenza che tale attività sarebbe stata illegittima e vietata.

Alla luce di detti rilievi, le associazioni hanno espressamente invitato il Sindaco di Montella a revocare la delibera di G.C. n. 199/2021 e con essa il concesso patrocinio; il Presidente dell’Ente Parco a non concedere alcun nulla osta, ovvero a revocarlo qualora già concesso, stante la palese violazione delle disposizioni in materia di tutela montano-ambientale.

Senonchè, a tutt’oggi, si registra con rammarico e profonda delusione che, a distanza di diverse settimane dai loro formali alert, Sindaco e Presidente non hanno fornito il benché minimo riscontro, ignorando sprezzantemente gli appelli loro rivolti.

Appare il caso di sottolineare che, in particolare, è inaccettabile l’indifferenza dell’Ente Parco al quale è istituzionalmente demandata proprio la funzione di tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, garantendo la conservazione e la protezione della biodiversità.

Hanno fatto proprio il contenuto di questa lettera aperta anche le seguenti associazioni:

Amici della Terra Club dell’Irpinia, SOS Natura, Fototrappolaggio Naturalistico Partenio, ISDE Avellino, Monti Picentini “Non Solo Porcini”, CAI Gruppo Regionale, CRTAM (Commissione Regionale Tutela Ambiente Montano), Movimento Verde – Sezione di Avellino, Salviamo la Valle del Sabato.