Mirabella – Tra polveroni e attacchi, Sirignano resta al suo posto

9 Novembre 2005

Mirabella – Vento di crisi in seno alla maggioranza Sirignano? Così si diceva in giro. Una voce, sorta da telefono senza fili, che sin dalle prime ore del mattino ha animato Piazza Ventiquattro Maggio. In serata, però, giunge il chiarimento: tanto rumore per nulla. In effetti, il primo cittadino di Mirabella Eclano, qualcosa l’aveva pur detta anche se poi apparsa più come uno sfogo che come una reale intenzione: la voglia di dimettersi e di concedersi una pausa di riflessione da un ruolo istituzionale che attraversa un momento non proprio felice. Già da qualche mese infatti, il primo cittadino era alle prese con continui ‘attacchi’ anche da parte di ormai ex membri della maggioranza. Una turbolenza sfociata nelle dimissioni di Massimo De Benedetto che da tempo ha abbandonato le fila della squadra di Siringano per sedere sugli scranni opposti. Dimissioni, sfiducia o riflessione? Niente di tutto questo. Stavolta l’incomprensione non nasce da Palazzo di Città, quanto piuttosto da qualche cittadino probabilmente insoddisfatto. L’ennesima ‘crisi’ sarebbe oggi scaturita da un fatto increscioso che ha visto vittima proprio l’esponente eclanese della Margherita. Tutto frutto, dunque, di un’aggressione subita due giorni fa, da parte di un mirabellano che aspirava all’assegnazione di un alloggio popolare. Da qui le riflessioni relative all’abbandono o ad un’eventuale periodo di pausa. Uno sfogo quello di Sirignano che ha prodotto un polverone e null’altro.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.